Cellulari banditi al Gonzaga, gli studenti: "Finalmente parliamo e facciamo amicizia" | VIDEO

Ogni mattina alle 8 gli allievi devono consegnare lo smartphone in presidenza, dove sarà messo sotto chiave, e potranno riprenderlo solo all'uscita. Previste piccole punizioni per i trasgressori ma i ragazzi non sono preoccupati: "C'è un mondo là fuori"

Sorridono e non sembrano preoccupati gli studenti dell'Istituto Gonzaga che da una settimana hanno dovuto dire addio ai loro cellulari. Il nuovo anno scolastico dell'istituto di via Piersanti Mattarella sarà infatti "phone free". Bando alla paura dell'"Internet addiction", diffusissima tra i più giovani. "A me piace dire che i ragazzi sono tornati 'normali'", commenta il preside dei licei, padre Eraldo Cacchione. 

Per la prima volta, infatti, anche per gli studenti dei licei vige non solo il divieto di utilizzo del cellulare durante le lezioni, la ricreazione e il pranzo, ma anche l’obbligo di consegnare lo smartphone in presidenza a inizio giornata, per poi riprenderlo prima dell’uscita, nel pomeriggio. Un’iniziativa senza precedenti, inserita nel Regolamento degli studenti e accolta senza proteste dagli alunni, che già da qualche giorno stanno sperimentando questo graduale distacco dal telefonino.

Una prima sperimentazione è già avvenuta nelle classi di scuola media con ottimi risultati. Da oggi verrà invece estesa a tutti gli ordini. "Finalmente parliamo tra di noi e stiamo facendo nuove amicizie", commentano molti studenti. Tra l'altro, non dovranno dire addio alla tecnologia perché da quest’anno tutti gli studenti sono dotati di IPad.

Tutti gli smartphone dovranno essere depositati prima delle 8 nell’apposito contenitore (dotato di tante vaschette quanti sono gli anni di corso) all’ingresso del piano. I contenitori poi vengono ritirati da un insegnante incaricato e messi sotto chiave in un armadio nella presidenza dei licei. Chi arriverà in ritardo troverà un contenitore ad hoc nell’ufficio della vicepreside. 

Non mancheranno, di certo, piccole punizioni per i trasgressori. Al primo ritiro, il telefono sarà riconsegnato allo studente a cui appartiene alla fine della giornata di scuola. La seconda volta, sarà riconsegnato alla fine della giornata successiva. La terza volta sarà riconsegnato al genitore. La regola non vale però per gli insegnanti ai quali, però, si raccomanda un uso controllato dei telefonini. 

Si parla di

Video popolari

Cellulari banditi al Gonzaga, gli studenti: "Finalmente parliamo e facciamo amicizia" | VIDEO

PalermoToday è in caricamento