Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una strada dietro al loro Meli, Orlando: "Un omaggio a Biagio e Giuditta" | VIDEO

 

L'amministrazione comunale ha intitolato la strada che costeggia il liceo classico Meli, in via Aldisio, a Biagio Siciliano e Giuditta Milella, i giovani studenti che morirono il 25 novembre 1985 travolti da un’auto della scorta dei giudici Paolo Borsellino e Leonardo Guarnotta.

"Una tragedia - dice il sindaco Leoluca Orlando - in un momento terribile in cui molti criticavano lo Stato che combatteva la mafia, criticavano le sirene e le scorte, eravamo alla vigilia del primo maxi processo.Ricordo il dolore di Borsellino, che si sentiva quasi in colpa per quanto accaduto. n incidente terribile, ma in quella occasione i genitori e i compagni di Biagio e di Giuditta reagirono con una straordinaria compostezza vivendo il loro inconsolabile dolore senza una parola di critica, che sarebbe stata subito strumentalizzata da chi guardava con fastidio l’impegno dello Stato".

Il Comune intitola una via a Biagio e Giuditta, Susinno: "Ma la strada non c'è..."

L'inaugurazione ha però avuto uno strascico polemico. Secondo il consigliere comunale di Sinistra Comune, Marcello Susinno,  "l'iniziativa dell'amministrazione sarebbe stata meritoria se prima la strada fosse stata completata". La via, sottolinea il consigliere, non è asfaltata né illuminata e mancano le opere di urbanizzazione".

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento