Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Borgo Nuovo, un ministro sul tram: "Arrivano altri 200 milioni, a breve altre 3 linee" | VIDEO

Claudio De Vincenti, ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno, sale a bordo con il sindaco Leoluca Orlando e il presidente Amat, Antonio Gristina.

 

Dopo un sopralluogo al cimitero dei Rotoli dove è in corso una "messa in sicurezza importantissima dal punto di vista ambientale", Claudio De Vincenti, ha fatto un giro sulla linea 2 del tram, che collega la stazione Notarbartolo con il quartiere Borgo Nuovo per una verifica dello stato dei lavori e degli appalti per il Patto per Palermo.

"Il governo c'è, stiamo lavorando e mantieniamo gli impegni. Lo dimostra la mia presenza qua - spiega il ministro per la Coesione territoriale -. Abbiamo stanziato risorse per un ulteriore completamente del sistema tramviario in città. Complessivamente il Patto prevede oltre 700 milioni, di cui ne sono stati già attivati 332 tra bandi e lavori in corso, a breve arrivano altri 200 milioni. Gli altri stanno partendo con dei bandi per completare rete tranviaria". Orlando: "Stiamo portando avanti il completamento dei lavori. Dopo le 4 linee già operanti, ci stiamo attivando per le altre 3. La prossima settimana, avendo tutte le risorse, faremo il bando per progettarle e realizzarle. Un altro contributo alla mobilità sostenibile di superficie a Palermo". 

Sull'intercettazione della chiamata dell'armatore Ettore Morace, arrestato per corruzione: "Parlate ancora di questa storia - aggiunge De Vincenti - ma io non mi occupo di giudiziaria. Compito del Governo è risolvere i problemi. C'era il problema della crisi della Siremar, l'abbiamo risolto applicando la sentenza del Consiglio di Stato. La cena a Filicudi? E' stato un caffè, ma non è importante. E in ogni caso era un momento per constatare che mesi prima era stata risolta quella vertenza".

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento