Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al Cervello ci si prende cura dei malati terminali: Totò Schillaci testimonial di uno spot | VIDEO

Il bomber di Italia '90 in ospedale per dare il suo sostegno: "Quanti modi ci sono per abbracciare il dolore?"

 

Il campione di Italia '90 testimonial in corsia per raccontare, insieme a medici e personale sanitario, cosa si fa ogni giorno tra le mure dell'ospedale Cervello per assistere chi soffre nell’ultimo periodo della sua vita. Protagonisti sono proprio loro, gli operatori del reparto e i familiari dei pazienti. E con loro l’ex giocatore della nazionale Totò Schillaci, che conclude lo spot dicendo: "Quanti modi ci sono per abbracciare il dolore?". A fargli eco il responsabile dell’Hospice, il dottore Pino Peralta: "Ogni giorno abbracciamo chi soffre. Un grande abbraccio sono le cure palliative, che vanno sostenute. Ma il messaggio che vorremmo lanciare va oltre il nostro ospedale. Un abbraccio vuol dire ascoltare l’altro, vuol dire condividere le sue ansie, le sue preoccupazioni".

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento