Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Studenti dello Scaduto irrompono al convegno: "Assessore Lagalla vogliamo scuole sicure" | VIDEO

Da giorni hanno occupato l'istituto di Bagheria per denunciare lo stato in cui versa la struttura. L'assessore ha garantito di aver pronto un piano di intervento urgente, che prevede l'immediato stanziamento di 50 mila euro

 

Irruzione al convegno sulla conoscenza, a Villa Rosa a Bagheria, di cinquanta studenti del liceo Scaduto di Bagheria ieri. I ragazzi hanno interrotto l'intervento dell'assessore regionale alla Pubblica formazione Roberto Lagalla per chiedere scuole sicure e rivendicare il diritto allo studio: "Siamo stanchi di chiacchiere, promesse e passerelle politiche. Pretendiamo - dichiara uno di loro, Biagio di Paola - che le istituzioni risolvano immediatamente i problemi legati alla nostra struttura e che da subito parti un piano di verifica ed intervento su tutto il territorio siciliano".

L'assessore ha garantito di aver pronto un piano di intervento urgente, che prevede l'immediato stanziamento di 50 mila euro per il liceo Scaduto: "Questo Governo ha già investito 300 milioni di euro sulla sicurezza delle scuole. Ho letto sul giornale dello Scaduto - afferma l'Assessore - perchè né la Provincia, proprietaria dell'immobile, nè la dirigenza hanno segnalato la vicenda del vostro istututo. Ho detto che sono pronto ad erogare immediamente 50 mila euro di intervento di somma urgenza a condizione che entro lunedì/martedì mi mandino una perizia tecnica".

Gli studenti del liceo di Bagheria da giorni hanno occupato l'istituto per denunciare lo stato in cui versa la struttura. Al loro fianco anche i docenti. "La nostra protesta - dichiara Edoardo Martorana - non si fermerà fino a quando non partiranno interventi sulla nostra struttura". 
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento