In via Archirafi la scoperta del Tecneto, una storia di scienza e amicizia | VIDEO

L’associazione Geode racconta la scoperta dell’elemento chimico e della collaborazione tra Carlo Perrier ed Emilio Segrè

C’è una storia di grande amicizia e di collaborazione professionale dietro la scoperta dell’elemento chimico 43, il Tecneto, avvenuta nei laboratori di via Archirafi a Palermo nel 1937. E un video dell’Associazione naturalistica Geode lo racconta, mettendo insieme testimonianze storiche di inestimabile valore, fra le quali le corrispondenze private e inedite della famiglia Ferla. Fisici, chimici e mineralogisti hanno bisogno gli uni degli altri, perché è nei minerali che si nasconde il segreto della materia. Il video “Palermo 1937, la scoperta del Tecneto”, presentato da Sergio Calabrese (ricercatore presso il dipartimento di Scienze della Terra e del Mare, Università di Palermo), racconta di una città protagonista della comunità scientifica internazionale negli anni di poco precedenti alla seconda guerra mondiale.

La storia

Nel 1930 Carlo Perrier, chimico piemontese, diviene direttore dell'Istituto di Mineralogia. Nel 1934 gli istituti di Matematica Fisica e Mineralogia sono trasferiti negli edifici di via Archirafi. Nel 1935 Gino Emilio Segrè vince la cattedra di Fisica e si trasferisce a Palermo. Tra un piano un altro di via Archirafi inizia una collaborazione tra Perrier, Segrè e i loro collaboratori per gli studi sulla radioattività. Segrè porterà a Palermo dal suo viaggio di nozze negli Stati Uniti "semi di cactus, un piccolo pezzetto di legno pietrificato e diverse bobine di pellicole di cinema”, ma anche una placchetta di molibdeno, che gli permise di isolare una sostanza radioattiva: era l'elemento 43, il tecneto, metallo di transizione radioattivo di colore grigio argento. La scoperta ebbe fama internazionale e con essa gli istituti di Fisica e Mineralogia di Palermo. Poteva essere l'inizio di una lunga avventura, con la città partecipe della comunità scientifica internazionale ma l'ombra nera dei fascismi e della seconda guerra mondiale già oscurava le prospettive più radiose della scienza. Le leggi razziali costrinsero Segrè a fuggire negli Stati Uniti dove continuerà le sue ricerche fino a vincere il premio Nobel per la Fisica.

Per celebrare quei momenti, a lui è stato intitolato il dipartimento di Fisica e Chimica ed è stata consegnata la targa di “Eps Historic Site”, che commemora i luoghi significativi in Europa per lo sviluppo e la storia della fisica.

Università, intitolato al Nobel Emilio Segrè il dipartimento di Fisica e Chimica

I ragazzi dell’associazione Geode hanno raccolto tutte le testimonianze che hanno trovato sulla relazione tra Segrè e Perrier e hanno costruito una breve ma avvincente sceneggiatura, trasposta poi dai ragazzi di Cut&Paste in un video documento con cui celebrare una storia di amicizia e intensa stima tra i due scienziati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tecneto oggi

Oggi, il tecneto riveste un ruolo molto importante nella medicina moderna in quanto uno dei suoi isotopi, il tecnezio-99 metastabile (Tc-99m), costituisce il principale radionuclide utilizzato in campo diagnostico: viene usato come tracciante e decade senza lasciare radioattività nell'organismo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Ordinanza di Orlando, divieti non solo in centro: "Ecco le strade dove non ci si potrà fermare"

  • Omicidio a Camporeale, colpi di pistola in piazza: morto un ragazzo di 26 anni

  • Le mosse anti Covid di Orlando: nessun coprifuoco ma divieto di sostare in strada

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Gli insulti, la sparatoria in piazza e la chiamata al 112: "Questa è l'arma con cui l'ho ucciso"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento