rotate-mobile

Regionali, anche Cancelleri firma piano disabili: "Nessuno resterà indietro" | VIDEO

Anche Giancarlo Cancelleri, candidato alla presidenza della Regione Siciliana per il Movimento Cinque Stelle, ha risposto all'appello lanciato da Pif e ha firmato il piano dei disabili. L'esponente grillino ha partecipato alla trasmissione condotta dall'attore e regista su Radio 2 "I Provinciali", che fino a venerdì sarà a Palermo. Hanno accolto l'invito anche Fabrizio Micari, Claudio Fava e Nello Musumeci.

Regionali, i disabili sfidano i candidati alla presidenza: "Firmate il nostro piano"

Nel dettaglio, il piano prevede: la presa in carico delle persone con disabilità (questo significa mapparli, realizzare un sistema informatico unico con i dati Inps, sanitari e sociali e stendere dei progetti individuali attraverso le unità di valutazione multidisciplinare); l'incremenzione delle somme per l'assistenza diretta, indiretta e complementare, l'assistenza scolastica e l'inserimento lavorativo; la riorganizzazione della macchina organizzativa attraverso un unico dipartimento; la creazione dei punti di accesso unici e dell'osservatorio per la disabilità. Firmatari anche il garante regionale per la disabilità, Giovanna Gambino, l'Anffas, il forum del terzo settore Sicilia, l'alleanza delle cooperative e l'Aism Sicilia.

"Sono stato invitato in radio da Pif, Il Testimone. per firmare con l'associazione "#SiamoHandicappatiNoCretini" il contratto che garantisce ai disabili e ai familiari tutti i diritti e le tutele che spettano loro. Mi sono impegnato a fare quello che chiedono - dice Cancelleri - entro i primi sei mesi di governo. Ho preso questo impegno perché ci credo, perché le loro richieste sono già dentro il nostro programma. Non è la prima volta che incontro queste persone, ma è da anni che va avanti il rapporto con loro. Nessuno nella nostra Sicilia resterà indietro. #SceglieteIlFuturo!".

Sullo stesso argomento

Video popolari

Regionali, anche Cancelleri firma piano disabili: "Nessuno resterà indietro" | VIDEO

PalermoToday è in caricamento