Mercoledì, 4 Agosto 2021

Eroe infiltrato e poliziotto scomodo: i "pupi antimafia" ricordano Natale Mondo | VIDEO

L’ultimo lavoro del marionettista e regista palermitano Angelo Sicilia è andato in scena alla caserma Lungaro per omaggiare il poliziotto ucciso dalla mafia all'Arenella.

La prima nazionale del nuovo nonché ultimo spettacolo dei pupi antimafia - intitolato "Storia di Natale Mondo. Un poliziotto contro la mafia" - è stato rappresentato ieri in occasione del 30° anniversario dell'uccisione dell'agente, che lavorò a stretto contatto con Ninni Cassarà.

Riuscì a sfuggire miracolosamente all'attentato del 6 agosto del 1985, costato la vita allo stesso Cassarà e all'agente di scorta Roberto Antiochia, ma venne accusato per questo di essere la talpa della Questura.

Fu così arrestato e incarcerato ingiustamente, per poi essere in seguito scagionato e reintegrato in polizia. Fu ucciso da alcuni sicari di Cosa nostra sotto casa sua, nel pomeriggio del 14 gennaio 1988.

"Mio padre - racconta la figlia Dorotea - aveva sempre il timore che potesse accaderci qualcosa, così ci faceva giocare a difenderci". "Vogliamo fare memoria  - dice il questore Renato Cortese - perché dobbiamo sempre ricordarci che un poliziotto è caduto per lo strapotere mafioso. La società è cambiata ma ha bisogno di continue iniezioni di fiducia".

Si parla di

Video popolari

Eroe infiltrato e poliziotto scomodo: i "pupi antimafia" ricordano Natale Mondo | VIDEO

PalermoToday è in caricamento