rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022

VIDEO | C'è la spazzatrice in via Pipitone Federico, molti lo dimenticano: 70 multe e 62 auto rimosse

Mercoledì sera è stato eseguito l'intervento di pulizia straordinaria, programmato secondo un calendario settimanale e preannunciato con la segnaletica. "E' stato un massacro", dice un residente. Sanzionate e prelevate con l'autogrù altre dieci macchine parcheggiate sulle strisce o troppo vicino a qualche incrocio

Settanta sanzioni e 62 auto prelevate con il carro attrezzi per fare spazio allo spazzamento meccanizzato. Sono i numeri che emergono dopo l’intervento dei vigili urbani di mercoledì in via Pipitone Federico, quartiere Libertà. In quella serata, come ormai avviene da settimane secondo un calendario prestabilito, era previsto l’utilizzo della macchina spazzatrice ed era stato preannunciato con la segnaletica installata dal personale dell’Amat per indicare la rimozione forzata.

"E’ stato un massacro", commenta un residente che però conferma: "I cartelli erano stati affissi, ma molti avevano parcheggiato lì giorni prima e non se se ne saranno accorti, ma magari altri lo avranno dimenticato". E così in settanta si sono beccati solo una multa da 42 euro (29,40 se pagata entro cinque giorni) grazie al tam tam di messaggi fra residenti scattato la sera stessa. La maggior parte di loro, però, dovrà pagare anche per la rimozione con l’autogrù (da 80 euro per i mezzi piccoli a 120 euro circa per i Suv) con il rincaro per il servizio notturno.

A questi numeri, che riguardano solo la sosta vietata per via dello spazzamento, si aggiungono altre dieci sanzioni - con relativa rimozione del mezzo con il carro attrezzi - per le auto parcheggiate vicino agli incroci o sulle strisce pedonali. Dal Comando di via Ugo La Malfa fanno sapere inoltre che in caso di mancato posizionamento della segnaletica, almeno 48 ore prima, gli interventi vengono rimandati.

Video popolari

VIDEO | C'è la spazzatrice in via Pipitone Federico, molti lo dimenticano: 70 multe e 62 auto rimosse

PalermoToday è in caricamento