Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’infanzia, gli affetti e la vocazione: la vita di Pino Puglisi in una miniserie girata a Brancaccio | VIDEO

"E se fosse ancora in vita?". E' la domanda intorno a cui ruota il lavoro "The smile of 3P" che vede alla regia Paolo Brancati e che sarà in onda sul web da fine agosto: "Ho voluto narrare l'uomo, l’argomento mafia avrà un ruolo marginale"

 

Terminate le riprese delle miniserie tutta palermitana sulla vita del Beato Padre Pino Puglisi, con la regia di Paolo Brancati e la co-produzione del Centro Accoglienza Padre Nostro di Brancaccio. “The Smile of 3P” - e se Padre Puglisi fosse ancora in vita?” è il titolo della nuova miniserie, lavoro che da fine agosto sarà in onda sul web.

La serie è prodotta dalla Seven Comunication Production in collaborazione con il Centro Accoglienza Padre Nostro ETS , la SACT- Scuola d’arte per il cinema e il teatro con il Patrocinio del Comune di Palermo, del Comune di Godrano e l’Arcidiocesi di Monreale. “The Smile of 3P” racconterà la vita del Beato Padre Puglisi, un aspetto inedito della vita del parroco del quartiere Brancaccio. Il lavoro, infatti, punta a raccontare l’aspetto dell’uomo, gli eventi più intimi, il quotidiano, gli squarci di vita raccontati dalle persone che hanno fatto parte della sua vita: i familiari, gli amici e i volontari del Centro Padre Nostro.

Dall’infanzia, all’adolescenza, la chiamata alla vocazione, gli affetti dei suoi familiari, la vita quotidiana in famiglia, il rapporto amorevole con i genitori fino al giorno al giorno in cui decise di prendere i voti e diventare umile strumento di Dio. La serie è liberamente tratto dal libro di Fulvio Scaglione “Padre Pino Puglisi-martire della mafia per la prima volta raccontato dai familiari” .

La regia è a firma di Paolo Brancati, registra e attore palermitano. “Nella mia serie ho voluto raccontare gli aspetti esclusivi della vita del Beato, attraverso i racconti di coloro che sono sempre stati al suo fianco: i familiari”. “In particolare, dice Brancati, voglio ringraziare il fratello di Padre Puglisi, Franco Puglisi, che grazie alla sua testimonianza è stato possibile ricostruire la vita reale dell’uomo speciale che è stato Pino.

Le scene della miniserie sono state girate nei luoghi in cui si è svolta la vita del Beato nel quartiere Brancaccio, dove si trova la Casa Museo, luogo in cui Padre Puglisi ha vissuto con i genitori anziani focus dell’intera narrazione. Nella Casa Museo, arredata con la mobilia originale, si respira ancora oggi, la serenità di un luogo intimo ed è quasi realistico immaginare Padre Puglisi che accoglie i fedeli, amici, parenti o chi ne chiedeva udienza.

“Nella serie The Smile of 3P - dice Brancati - ho fortemente voluto raccontare l'uomo Pino Puglisi, la vita, le amicizie e l’amore per la sua famiglia. L’uomo Pino è al centro della sceneggiatura, mentre, l’argomento mafia avrà un ruolo marginale”. Nel libro, come nella serie, i familiari parlano della giovinezza, della vocazione e l’impegno per i ragazzi. Un altro aspetto che collega il libro, di Fulvio Scaglione, con la serie è il rapporto con la madre e i fratelli, dalla delicata funzione di supporto ai nipoti e le feste in famiglia”.

Mentre, lo scenario che ruotava intorno alla vita da Prete spesso, lo mettevano a dura prova con gli scontri giornalieri con la violenza tra faide, il rapporto dialettico con le istituzioni, la fondazione del Centro di Accoglienza Padre Nostro e in fine, la tragica violenza che l’uomo Pino Puglisi accoglie con il suo caratteristico “sorriso”. Un cast d’eccezione, tutto siciliano: Cesare Biondolillo, Orio Scaduto, Ernesto Maria Ponte, Giuditta Perriera, Gino Carista, Enrico Gippetto, Giovanni D’Aleo, Pietro Daddi e tanti altri attori del panorama siciliano. Le musiche saranno curate da Filippo Ragusa e la sceneggiatura è a firma di Giuseppe Tarantino.

Tra gli attori siciliani che hanno collaborato per la realizzazione della miniserie: Roberto Pepoli, Enzo Buffa, Giorgio Pitarresi, Stanislao La Porta, Giuseppe Artale, Carlo d’Aubert, Massimo Marotta, Anna Graziano, Enzo Carnese, Gabriele Arena, Irene Enea e Deborah Ragusa. La direzione della fotografia è stata curata da Francesco Baiamonte e Giovanni Trippodo, le riprese e il montaggio sono di Pietro Trippodo, l’organizzazione infine è stata affidata alla T.F. Corporation di Ninni Tartaglia.

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento