Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Otto targhe in otto lingue, la Cala diventa il Lungomare delle migrazioni | VIDEO

Si tratta della prima iniziativa che dà il via al Festival delle Letterature Migranti. Tra i presenti alla cerimonia, il sindaco Leoluca Orlando, il direttore della manifestazione Davide Camarrone e i rappresentanti delle diverse religioni presenti a Palermo, tra cui l'imam Francesco Macaluso.

 

Le targhe toponomastiche sono dotate di QR code contenenti informazioni storiche sul sito. "Il senso di questa iniziativa - ha detto il primo cittadino - è il riconoscere l'essere persona di ognuno di noi. Questo lungomare non è dedicato agli immigrati e neanche agli emigranti, ma ai palermitani che conoscono la dimensione della migrazione come un diritto umano inalienabile. Palermo è diventata nel mondo un punto di riferimento, è una città diversa delle altre ma mi auguro che non resti isolata nella cultura dell'accoglienza". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento