Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non siamo nati per viver come bruti", il clochard morto che citava Dante con il gatto sulle spalle | VIDEO

In un'intervista rilasciata due anni fa a BrindisiReport Aid Abdellah racconta la sua storia. "Facevo il mimo, poi ho viaggiato molto. Il mio amico a quattro zampe? Volevo chiamarlo Einstein, ma il nome era stato già preso"

 

"Non siamo nati per vivere come bruti, ma per seguire il cammino della conoscenza". Citava Dante e la cantica dell'inferno, in un'intervista rilasciata due anni fa a BrindisiReport (gruppo editoriale Citynews), il clochard di origini francesi Aid Abdellah, trovato morto questa mattina sotto i portici di piazzale Ungheria. Si era disteso al solito posto, sul suo giaciglio di fortuna e in compagnia del suo inseparabile amico felino Helios (ora adottato da un amico), ma quando i vicini commercianti si sono accorti che non si muoveva era già troppo tardi.

Clochard morto in piazzale Ungheria, aveva una ferita alla testa

"Venticinque anni fa ho cambiato la mia vita. Facevo il mimo, ho fatto molti soldi e ho girato il mondo. Dall'Asia dell'est agli Stati Uniti. Ho fatto anche la Route 66, quella che fa sognare tutte le persone. Il mio gatto? Volevo chiamarlo Einstein, ma mi dissero che il nome era stato già preso - diceva ridendo mentre il felino scalava la sua schiena - e l'ho chiamato Helios. Siamo peggio di una coppia, facciamo due ore di yoga al giorno". "Aldo" - così era conosciuto nella zona di piazzale Ungheria - viene ricordato come un uomo educato, colto e gentile, che parlava perfettamente l'italiano.

La notizia ha lasciato un po' tutti con un nodo alla gola, anche alla luce del fatto che non è chiara la causa del decesso. Ad insospettire gli investigatori una ferita alla testa da cui Aldo ha perso molto sangue. Dopo i primi accertamenti da parte del medico legale e i rilievi della Scientifica, saranno i risultati dell'autopsia a fornire qualche spunto investigativo in più. Sembrerebbe infatti che dal giaciglio del clochard mancasse il suo cellulare, mentre il portafogli sarebbe stato trovato aperto e vuoto. Nessuna ipotesi esclusa, anche quella dell'omicidio.

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento