Dalle strade di Brancaccio alle olimpiadi di Tokyo: un modello di riscatto nel film di Pitarresi | VIDEO

Sport, spettacolo e coraggio sono alla base di "Hantei 20.0 - il Giudizio", la pellicola del 35enne maestro di karate, proiettata ieri all'ex lavatoio del quartiere di 3P.

Si tratta di una iniziativa promossa nell'ambito della kermesse natalizia "Il Paradiso in terra . Antiche e nuove storie di Maredolce e Brancaccio", promossa e organizzata dall'associazione “Castello e Parco di Maredolce” presieduta da Domenico Ortolano. Uno spettacolo rivolto soprattutto ai giovani. "Da Brancaccio, un esempio di coraggio e di impegno - dice il presidente dell'associazione - che intendiamo portare agli studenti, affinché insieme possiamo essere protagonisti del cambiamento delle periferie”.

Dalle strade di Brancaccio alle olimpiadi di Tokyo. E’ questo uno dei molteplici messaggi che lancia la pellicola di Daniele Pitarresi, originario del quartiere di Padre Pino Puglisi, ma villabatese d’adozione, incentrata sulla storia fittizia di una minorenne che dopo aver conosciuto il carcere, scommette su stessa per rinascere attraverso lo sport. La pellicola nel 2017 è entrata in nomination tra i 35 film dello Sportfilmfestival, mentre nel 2015 è stata premiata per la migliore sceneggiatura. 

Prodotta dall’associazione sportiva “Aquila Volante”, vede impegnati sul set attori non professionisti e il maestro di karate Carlo Ambrosetti, nella veste di sceneggiatore. “Hantei - spiega Pitarresi - è il verdetto finale che l’arbitro emette al termine della gara quando i karateka sono in parità. Quindi il giudizio finale. Il 2020 sarà l’anno che il karate sarà per la prima volta alle olimpiadi, che, guarda caso si svolgeranno a Tokyo”.

Alcune scene sono state girate anche all'interno del carcere minorile Malaspina. Hanno concesso il gratuito patrocinio il comune di Palermo, Coni Italia, Sicilia In Europa, il ministero della Giustizia, il comune di Villabate e l’assessorato regionale allo Sport. “Il film ha una forte valenza sociale- dice Giusy Scafidi, numero due dell'associazione - e la storia di Daniele lo dimostra. Grazie alla volontà, all'impegno e alla passione, è possibile scrivere una storia diversa”.

Si parla di

Video popolari

Dalle strade di Brancaccio alle olimpiadi di Tokyo: un modello di riscatto nel film di Pitarresi | VIDEO

PalermoToday è in caricamento