Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Goletta Verde, pulizia straordinaria a Sant'Erasmo: rinvenute centinaia di cotton fioc | VIDEO

L'attività nel tratto di litorale della Costa Sud rientra nell’ambito del progetto “Clean Sea Life”, messo in campo in occasione dell'approdo del battello ambientalista in città, al Circolo Canottieri Palermo della Cala.

 

Secondo i dati forniti da Legambiente, il 21% dei rifiuti monitorati sulle spiagge siciliane proviene dagli scarichi dei nostri bagni. Rifiuti buttati nel wc che raggiungono così il mare. L'associazione green ha lanciato così la campagna #Norifiutinelwc: "I rifiuti intasano e se finiscono in mare inquinano, specie se sono di plastica. Non lasciamoci ingannare dall’etichetta: la dicitura 'biodegradabile' o 'gettabile nel wc' non è un buon motivo per farlo. Usare il cestino non ci costa nulla". Il video dell'attività svolta a Sant'Erasmo è stato pubblicato sulla pagina Facebook di Goletta Verde

Goletta Verde ha poi proceduto con il campionamento dei punti critici, che vengono scelti in base a un “maggior rischio” presunto di inquinamento, individuati dalle segnalazioni non solo dei circoli di Legambiente ma degli stessi cittadini attraverso il servizio SOS Goletta (esami eseguiti dalla squadra di tecnici di Legambiente tra il 4 e l’8 luglio 2017) . I parametri indagati sono microbiologici (enterococchi intestinali, Escherichia coli), sono stati valutati “inquinati” i risultati che superano i valori limite previsti dalla normativa sulle acque di balneazione vigente in Italia (Dlgs 116/2008 e decreto attuativo del 30 marzo 2010) e “fortemente inquinati” quelli che superano di più del doppio tali valori.

Nove i punti monitorati in provincia di Palermo e nessuno di questi ha superato l’esame. Per sette il giudizio è di fortemente inquinato: alla foce del fiume Eleuterio tra Bagheria e Ficazzi; alla spiaggia presso lo sbocco del canale in Corso Italia a Bagheria; alla foce dello scarico in via Messina Marina a Palermo; alla foce del torrente Canzalamone; alla foce del fiume Pinto a Trappeto; alla foce del torrente Nocella tra Terrasini e Trappeto, alla foce dello scarico presso corso Mattarella e alla foce del fiume Chiachea (presso lo sbocco del depuratore) a Carini. Giudicati inquinati, invece, i campionamenti alla spiaggia di fronte l’ex oleificio a Termini Imerese e quello alla spiaggia la Praiola a Terrasini.

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento