rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022

Da Brancaccio a Mondello, una distesa di rifiuti: Palermo sommersa dall'immondizia | VIDEO

Da via Azolino Hazon alla stazione centrale, passando per via del Sagittario, via Pietro d'Aragona e via Corbino, per giungere fino a Mondello e all'Arenella. Sono decine le segnalazioni ricevute dai nostri lettori sull'emergenza rifiuti dal centro storico alla periferia.

"L'attività ordinaria - spiegano dalla Rap - è stata rallentata dalle assemblee già annunciate la scorsa settimana e partite lunedì. Ad aggravare i disagi il conferimento vietato per regolamento ai cittadini nel domenicale e in aggiunta l'abbandono indiscriminato di ingombranti presso le postazioni dei cassonetti. L'azienda ha avviato già da ieri i recuperi in ordinario per attenuare i disagi". 

Intanto - fanno sapere dal Comune - gli assessori Iolanda Riolo e Sergio Marino, e il presidente di Rap, Roberto Dolce, parteciperanno domani a un incontro tecnico per valutare la situazione dell’azienda e gli aspetti tecnici legati all’attuale situazione di difficoltà. A seguito di tale incontro il sindaco Leoluca Orlando convocherà le organizzazioni sindacali dei lavoratori per discutere i successivi passi da compiere per il rilancio dei servizi aziendali.

Siamo andati a verificare la situazione in cui versa mezza città: ciò che emerge è sotto gli occhi di tutti: ingombranti ma anche cataste di rifiuti maleodoranti straripano dai cassonetti, invadendo strade e marciapiedi.  Il nostro reportage parte proprio da via Azolino Hazon, a Brancaccio, dove da giorni è presente un vero e proprio immondezzaio. Materassi, poltrone, sedie per scrivanie fanno da cornice a una montagna enorme di sacchetti e organici, a pochi passi dai locali in cui tre anni fa è stato realizzato il sogno del beato padre Pino Puglisi, oggi oasi per i più piccoli. 

Mezzi Rap fermi anche in via Pecoraino, non molto lontano dal centro commerciale Forum Palermo. Ieri è stato infatti il secondo giorno di braccia incrociate dei lavoratori per prendere parte alle assemblee organizzate dalle organizzazioni sindacali della Rap. Le assemblee proseguiranno fino a venerdì 8. Nel mirino "l’incapacità dimostrata dagli organi comunali preposti a recuperare per intero il gettito della Tari" e la stanchezza degli stessi operai nell'essere additati "quale unica causa dei disservizi sulla pulizia e sulla manutenzione stradale della città".

Cambia la zona, ma non la situazione. Non va di certo meglio a Falsomiele, dove cataste di ingombranti occupano via dell'Airone, nonostante un cartello affisso dalla Rap indichi come funziona il servizio di raccolta a domicilio. In via Villagrazia i pedoni devono fare lo slalom tra i rifiuti che invadono il marciapiede. Medesima situazione in via Petralia Sottana, in via Re Federico, in via Nina Siciliana e in piazza Magione. Particolarmente arrabbiati i residenti di via Gorizia, una delle stradine che si affacciano su via Roma.

Si parla di

Video popolari

Da Brancaccio a Mondello, una distesa di rifiuti: Palermo sommersa dall'immondizia | VIDEO

PalermoToday è in caricamento