Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Marineo, dichiarato lo stato di calamità naturale: scuole chiuse per due giorni | VIDEO

Alluvioni e allagamenti hanno messo in ginocchio la zona. Una grossa voragine si è aperta in via Roma, in corrispondenza del Torrente San Antonio. Tra i vari provvedimenti il sindaco Francesco Ribaudo ha disposto la limitazione della circolazione veicolare e pedonale

 

Dichiarato lo stato di calamità naturale nel territorio di Marineo. A deciderlo è stato il sindaco Francesco Ribaudo che ha emanato un’ordinanza dopo le alluvioni e gli allagamenti che hanno messo in ginocchia la zona. “Un violento nubifragio - scrive il primo cittadino - ha causato l’innesco di diverse frane e colate detritiche oltre a fango, danneggiamenti delle infrastrutture, anche viarie, di attività produttive e artigianali e di intere porzioni degli agglomerati urbani e rurali”. Disposta anche la chiusura di tutte le scuole per il 5 e 6 novembre.

Nella notte una grossa voragine si è aperta in via Roma, in corrispondenza del Torrente San Antonio. I sopralluoghi effettuati dalle forze dell’ordine, i vigili del fuoco e la protezione civile hanno certificato i problemi per l’incolumità degli abitanti, rendendo necessaria la limitazione della circolazione veicolare e pedonale lungo le strade che si sono riempite di detriti e fango. Nel provvedimento emesso il sindaco ha dato disposizioni all’Ufficio tecnico comunale per redigere una stima dei danni e fare il punto della situazione per prevenire ulteriori tragici episodi.

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento