Venerdì, 23 Luglio 2021

Grasso nella "sua" Palermo: "5 Stelle poco chiari, crisi acqua viola le leggi" | VIDEO

Il presidente del Senato e candidato di Liberi e Uguali ha incontrato la stampa all'Ars, insieme al deputato Claudio Fava, per presentare il suo progetto politico in vista delle politiche del 4 marzo.

In merito, in primis, ai suoi rapporti con Claudio Fava, Grasso tiene a sottolineare: "Non abbiamo mai litigato, tra me e lui non c'è mai stato alcun problema. C'è stata una posizione presa da Claudio in un momento particolare ma il progetto politico ci vede insieme".

Parlando di crisi idrica: "L'emergenza porta alla violazioni delle leggi regionali, nazionali e delle direttive Ue. Musumeci dimentica che io ero procuratore a Palermo quando c'era già questa emergenza e che era rimasta tale e quale per tutti i governi Cuffaro e Lombardo. Anzi, questa è stata sfruttata perché ci fosse spesso una privatizzazione di tanti servizi che forse era meglio rendere pubblici".  

"Sull'immigrazione - dice - non bisogna buttare benzina per far sì che diventi una giustificazione delle insicurezze". Riguardo invece alle sue parole riposatate sabato scorso dagli organi di informazione sulla nomina di Palermo a capitale della cultura ("Che se ne fa una città senz'acqua della cultura?"), il candidato di Leu spiega: "Sono felicissimo che Palermo sia la capitale della cultura, i problemi legati all'acqua o ai rifiuti non c'entrano niente. Forse le mie parole sono state comunicate male. I problemi di acqua e rifiuti sono distaccati da questo evento. Non si possono collegare le due cose, come è stato fatto da qualche organo di comunicazione". 

Sulla possibilità di un'apertura al Movimento Cinque Stelle, Grasso chiarisce: "Il M5s è in un fase di mutazione genetica e tende a rassicurare chiunque. Ci sono situazioni che constano a me personalmente, anche da presidente del Senato, di posizioni ondivaghe, prima sì alle unioni civili, poi no. No allo Ius soli, mentre prima sembrava potesse essere favorevole, euro sì ed euro no. Non c'è chiarezza. Aspettiamo che questi segnali corrispondano - chiosa - a posizioni precise dal punto di vista parlamentare e politico".

Infine, un richiamo alle urne rivolto a tutti i cittadini: "Vorrei che ci fosse quell'atteggiamento psicologico del referendum. Spero che tutti si possano rendere conto della necessità di partecipare democraticamente alla costruzione del futuro del Paese". 

Si parla di

Video popolari

Grasso nella "sua" Palermo: "5 Stelle poco chiari, crisi acqua viola le leggi" | VIDEO

PalermoToday è in caricamento