Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Elezioni, Renzi a Palermo: "Solidarietà a Ursino, abbassiamo i toni" | VIDEO

Il segretario del Pd, in comizio al teatro Al Massimo, ha espresso vicinanza al leader di Fn per la violenta aggressione subita. Poi gli affondi al centrodestra e ai Cinquestelle.

 

"Abbiamo letto la notizia terribile del dirigente - ha detto Renzi - che è stato picchiato. Io sono quanto di più lontano dalle idee di Forza Nuova voi possiate immaginare, ma voglio che arrivi da qui, la solidarietà a quell'uomo che ieri è stato massacrato. Bisogna abbassare i toni di questa campagna elettorale. Diamoci tutti una regolata".

Leader di Forza Nuova pestato: due ragazzi in stato di fermo per tentato omicidio

In prima fila il sindaco Leoluca Orlando, da poco approdato ufficialmente al Partito democratico. "La scelta di Leoluca Orlando di stare nel Pd - ha sottolineato Renzi - mi onora e mi rende felice".

Dal leader Pd un appello "ai moderati, a quelli che in passato hanno votato Berlusconi, guardate che il centrodestra di oggi non è quello moderato, non è quello della Merkel, del Ppe e quello a trazione Salvini. Chi vota per i moderati sta votando Salvini e anche chi vota sinistra radicale sta aiutando Salvini. Vi ricordate le parole di Salvini sul Sud e sui siciliani? Se fossi siciliano non voterei per il partito della Lega. E i Cinquestelle? Ci hanno detto che eravamo ladri e loro erano onesti e puri. Poi scopri che in quel partito ci sono truffatori e scrocconi. Bisogna avere il coraggio di dire che noi lezioni da loro non ne prendiamo". 

Nota "stonata", l'assenza dei partigiani Pd, che hanno disertato l'incontro. "Avremmo tante cose da dirgli, ma scegliamo il silenzio per rispetto ai militanti del Pd - ha detto Antonio Rubino, a nome dei partigiani - . Ci auguriamo che il segretario vorrà ascoltare anche le ragioni di chi non condivide le sue scelte. Nel 2014 eravamo tutti insieme in una piazza Politeama gremita. Oggi, invece, in quel teatro mancherà un pezzo del partito. Ci auguriamo che dopo il 4 marzo 'l'aria del Pd' torni ad essere intrisa di quell'entusiasmo e di quella passione. Noi lavoreremo per questo a cominciare dal 25 febbraio".
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento