Marciapiedi ostaggio dell'inciviltà, vigili e carrozzine in missione: rimosse sei auto | VIDEO

Oltre ai mezzi prelevati dal carro attrezzi in via Perez altri quindici sono stati multati nella zona della stazione. Prosegue la campagna "Insieme" promossa dalla polizia municipale in collaborazione con l’Associazione siciliana medullolesi spinali

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Quindici veicoli multati e sei rimossi. Questo il bilancio della passeggiata compiuta stamattina dagli agenti della polizia municipale nell’ambito di “Insieme”,  la campagna di sensibilizzazione nata per garantire le fasce deboli in collaborazione con l’Associazione siciliana medullolesi spinali. Insieme ai rappresentanti dell’associazione due pattuglie dei vigili urbani hanno percorso corso Tukory con un’autogru al seguito, svoltando poi per via Perez. Lì i marciapiedi risultavano occupati dalle auto che impedivano il passaggio delle carrozzine.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Avatar anonimo di Peppe
    Peppe

    In via Portella della Ginestra / ia Padre Puglisi , in particolare di fronte al supermercato SISA, è impossibile usare il marciapiede perchè perennemente invaso dalle macchine in sosta assolutamente vietata. Al riguardo sono state fatte centinaia di segnalazioni alla P.M., ma questi signori se ne fregano alla grande. Forse,  aspettano per intervenire duramente  che qualhe neonato in carrozzella venga travolto assieme alla madre.  

  • Avatar anonimo di giacomo
    giacomo

    Il comune dovrebbe attivare un numero whatsapp ,dove a segnalazione con foto,indicando la via ed il civ., arriverebbe in maniera quasi tempestiva il carro attrezzi...così sarebbe un aiuto per noi cittadini ed un incremento di cassa per il comune!

    • idea geniale, sarebbe in parte la soluzione ai tanti problemi causati da gente che di civile non ha nulla

  • Il problema è che questi "Eventi" dovrebbero diventare costanti giorno e notte. A Palermo si sconosce il significato della parola civiltà. Oggi pomeriggio sono stato al centro conca d'oro ed ho assistito ad una scena pazzesca, 4 autobus della linea 614 (che effettuano fermate fin dentro il posteggio del centro), uno in fila all'altro in attesa che una gentil donna finisse di fare le sue compere per spostare l'auto lasciata in mezzo alla rotonda davanti l'ingresso. DIco 4 autobus che nella migliore delle ipotesi hanno una frequenza di 15 min, quindi praticamente bloccati da 1 ora! E la gentil donna, davanti alle lamentele di coloro che sarebbero voluti tornare a casa un'ora prima col bus, anzichè chiedere scusa fa: "Miiii come fate!!! " Tra l'altro con il parcheggio praticamente deserto, se non ci fossero stati i paletti, probabilmente sarebbe entrata dentro il centro in auto. Queste "Persone" non vanno nemmeno multate perchè tanto poi non le pagano nemmeno... a questi va semplicemente sequestrato il mezzo, così magari si elimina il male alla radice.

  • Avatar anonimo di salvatore
    salvatore

    In molti quartieri rionali i negozi si riservano i posti auto con delle piante, non sarebbe il caso di fare un giro ?

  • Avatar anonimo di Osservatore
    Osservatore

    Bravissimi, venite al corso olivuzza.

  • Vorrei far presente ai vigili,che ho fatto presente al comune,della mancanza degli scivoli sui marciapiedi della città,in particolar modo nella zona di viale Strasburgo oltre all'assenza delle strisce pedonali,credo sia il minimo che una città debba avere per ritenersi civile,ma dopo un mese,sto ancora aspettando che l'amat provveda.

Potrebbe Interessarti

  • Video

    Da Palermo a Milano per riciclare i soldi dei clan: sequestrate due aziende di caffè | VIDEO

  • Video

    Occupano villa e sfrattano proprietaria, parlano gli abusivi: "Tu qui dentro non sei più nessuno" | VIDEO

  • Video

    La banda mafiosa delle industrie di caffè: l'uscita degli arrestati | VIDEO

  • Video

    Le immagini che inchiodano le donne palermitane che rubavano profumi a Enna | VIDEO

Torna su
PalermoToday è in caricamento