rotate-mobile

Nel Palermitano ci sono 253 bunker militari, nuovo ritrovamento a Giacalone | VIDEO

I risultati del progetto Ce.r.ca.mi portano alla luce i numeri del patrimonio storico militare della seconda guerra mondiale. Un lavoro durato 14 mesi e presentato nella sede dell'assessorato regionale al Turismo: "Turismo bellico settore strategico"

Sono 253 i bunker militari risalenti alla seconda guerra mondiale nel territorio palermitano, 1.300 le postazioni di controllo presenti in tutta la Sicilia, isole minori comprese. Il dato è emerso nel corso dell'incontro di presentazione del progetto Ce.r.ca.mi (Censimento e rilevamento casematte militari), un'occasione per riflettere sulla vastità del patrimonio storico e architettonico che comprende i siti e le fortificazioni militari, realizzati in Sicilia, per difendere l’Isola durante l’ultimo conflitto mondiale. Il lavoro condotto dai ricercatori ha anche analizzato le potenzialità turistiche che il patrimonio storico-militare siciliano è in grado di offrire, ovvero quelle di un “turismo storico” come già avviene in altre parti d’Italia e d’Europa: dai rifugi antiaerei di Campo Tizzoro, ai sistemi museali di Belgio, Germania, Francia e Malta, solo per citare qualche esempio. 

"Il turismo bellico dedicato ai conflitti mondiali - ha spiegato l’assessore regionale al Turismo Sandro Pappalardo - come un settore strategico sul quale puntare, per una politica del turismo che intraprenda un'efficace attività di destagionalizzazione, e contribuisca a registrare un sensibile incremento dei flussi di viaggiatori verso la Sicilia. Questo segmento turistico, a parere del nostro Governo, ha ancora ampi margini di crescita, e potrà divenire tra i settori portanti dell'economia dell'Isola se si riuscirà a importare strategie vincenti come quelle già attuate in numerose realtà europee". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Nel Palermitano ci sono 253 bunker militari, nuovo ritrovamento a Giacalone | VIDEO

PalermoToday è in caricamento