Mercoledì, 28 Luglio 2021
Video

Coronado a spasso per Mondello: "Spiaggia e pallone, Palermo è già casa mia" | VIDEO

Serpentine a mai finire, sombrero, rabone e tanto sacrificio: il fantasista rosanero è stato il protagonista della seconda tappa del “Palermo Football Tour”

Dopo aver visto La Gumina girovagare all'interno del mercato del Capo, il club rosanero per il fantasista rosanero ha scelto un luogo differente dall’antico mercato ma altrettanto suggestivo: Mondello. Lì dove, sogni, ricordi ed emozioni si lasciano trasportare dal rumore del mare così come il Palermo finora si è lasciato trasportare dalla rivalsa e dalla fantasia di Coronado.

“Il mio sogno – confessa – fin da bambino era quello di diventare un calciatore. Adesso, siccome sono riuscito a coronare questo mio desiderio, spero di poter agguantare la serie A con il Palermo e soprattutto di fare bene con questa maglia. Il calore dei palermitani è un qualcosa di straordinario, ho cercato fin da subito di conquistare i tifosi perché per me significa davvero molto far breccia nel cuore della gente. Sto lavorando tantissimo per raggiungere l’obiettivo finale: la serie A”.

Da Trapani a Palermo. Pochi chilometri di distanza, ma tante, tantissime differenze, con un ricordo nel cuore: il Brasile.  “Vivere qui – ha detto il fantasista rosanero – è fantastico. Basta guardare Mondello e il clima che si respira per capire quanto sia tutto perfetto. Specialmente per un brasiliano. Questo caldo – confessa – mi ricorda tantissimo Londrina – comune del Brasile nello stato del Paranà – soltanto che lì non c’è il mare. Per essere al completo mancherebbe soltanto la carne brasiliana e un ristorante tipico. Anche se – ammette – i cannoli mi fanno letteralmente impazzire. Preferisco il dolce al salato e qui ho trovato di tutto e di più. Mi sono trovato bene sia a Malta che a Trapani e mi reputo fortunato perché in ogni posto dove ho giocato ho sempre avuto il mare a due passi”.

Infine Coronado ha voluto svelare una promessa fatta in caso di promozione in serie A: “Sono molto religioso e mi dispiace non aver fatto la famosissima ‘acchianata’ di  Santa Rosalia. In caso di promozione – dice – cercherò di portare insieme a me tutta la squadra”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronado a spasso per Mondello: "Spiaggia e pallone, Palermo è già casa mia" | VIDEO

PalermoToday è in caricamento