Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiesa fantasma in centro: "Videopoker e pericolo crolli, così muore un gioiello del Seicento" | VIDEO

L'oratorio della Madonna dell'Annunziata del Giglio, nella zona di via Roma, fu a lungo sede della confraternita Maria Santissima Addolorata. Nel 2008 e poi nel 2017 fu sequestrato per gravi carenze strutturali e degrado.

 

Quando dieci anni fa, per la prima volta, furono apposti i sigilli, gli agenti del nucleo tutela patrimonio artistico dei vigili urbani, tra puttini senza testa e panche ridotte a pezzi, all'interno trovarono anche casse di bibite e videopoker. Una chiesetta fantasma, nei pressi di via Divisi, di cui ancora oggi molti palermitani non conoscono l'esistenza e accanto alla quale passano oltre ogni giorno centinaia di turisti, venuti a Palermo attratti anche dal riconoscimento di capitale della cultura. 

Costruita nel 1615 dalla compagnia dell'Annunciata del Giglio nella Cattedrale di Stazzone, vive oggi in uno stato di semi-abbandono. Il 18 novembre 2001, dopo quasi quattrocento anni di attività, la chiesa è stata chiusa per inagibilità. Sette anni dopo avvenne il primo sequestro. 

Lo storico e consigliere comunale M5S Igor Gelarda, a riguardo, ha fatto una richiesta alla Soprintendenza per sapere quali sono le intenzioni per il futuro del bene. "Visto che è appartiene a un privato - spiega l'inquilino di Palazzo delle Aquile a PalermoToday - se questi non ha la disponibilità, se ne devono occupare loro. Al sindaco Leoluca Orlando, con una interrogazione, abbiamo chiesto che cosa ha fatto per rivalutare questa chiesa che prende vita a pochi passi dal percorso Unesco". 

Demoralizzato e amareggiato il proprietario del bene, Roberto Bilotti Ruggi d'Aragona, campano d'origine e romano d'adozione, che contattato telefonicamente da PalermoToday, racconta il lungo iter attraversato dalla chiesa e gli atti portati avanti per il suo restauro. "Negli anni in cui si era innamorata di Palermo - dice - con l'artista Jenny Saville avevamo pensato di fare della sconsacrata Chiesa del Giglio un luogo d’arte e meditazione in senso laico, su modello della Rothko Chapel a Houston e la Chapelle du Saint-Marie du Rosaire progettata da Matisse in Provenza. Per l'oratorio ha così ideato il trittico 'The atonement studies', tre grandi tele che identificano nel tema della malattia quello dell’espiazione e l''invito alla riflessione sulle sofferenze umane. Le condizioni incontrollate del quartiere ci hanno fatto desistere dal collocare all'interno le opere".

Bilotti racconta, inoltre, di aver partecipato nel 2006 a un bando comunale, di essere stato ammesso e inserito in graduatoria. "Gli oratori e le chiese - racconta - credo fossero stati messi in coda alla lista, i fondi sono finiti e non sono mai arrivati i finanziamenti". "Io - continua -, come tanti altri, non riesco a stare dietro a miliardi di problemi. In occasione delle vampe di San Giuseppe, dei vandali sono entrati in una mia casa in Vucciria, hanno sradicato e dato fuoco a tutto. E' una situazione ingestibile. Se ci sono 1500 palazzi abbandonati non penso sia un caso. Io ho creduto profondamente in questa città, me ne sono innamorato in modo folle, ma - chiosa con rammarico - è stato l'errore più grande della mia vita". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento