Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le aziende confiscate alla mafia rinascono e danno lavoro, Postiglione: "Il San Paolo Palace è risorto" | VIDEO

Ben 163 beni sottratti a Cosa nostra sono stati assegnati al sindaco Orlando e al prefetto De Miro. Di questi 40 serviranno per sanare l'emergenza abitativa. Quattrocento, in totale, le aree assegnate agli altri sindaci e prefetti siciliani. La cerimonia di consegna si è tenuta questa mattina a margine del convegno "Dalla confisca dei beni all’accoglienza turistica. Viaggio dell’Anbsc nel mondo delle aziende"

 

Un'occasione, tra l'altro, per illustrare il modello virtuoso e di buona pratica che ha caratterizzato alcune società siciliane del settore turistico-alberghiero sottratte alla criminalità organizzata di stampo mafioso. 

Tra i 4 casi presi in esame, l'Hotel San Paolo Palace, in cui si è tenuto il congresso. A parlarne, tra gli altri, il prefetto Umberto Postiglione, direttore dell’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei Beni Sequestrati e Confiscati alla criminalità organizzata: "Ho puntato sulle strutture ricettive perché le prenotazioni si fanno via Internet e non esiste un tipo di controllo di tipo mafioso. Il San Paolo è risorto. Lo stiamo ammodernando. I lavoratori sono contenti. La struttura perdeva un milione e e mezzo all'anno, ora invece guadagna. Se la mafia non può fare pressioni sulla clientela, la Sicilia funziona benissimo". 

Soddisfatto il sindaco Leoluca Orlando: "Altra conferma della volontà di dare un significato sociale affrontando l'emergenza abitativa con i beni confiscati alla mafia. E questo in un giorno in cui ho inaugurato un monumento a Pio La Torre e Rosario Di Salvo"

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento