rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
PalermoToday

Stabilizzazione lavoratori Asu, Compagnone: "La questione va risolta a Roma"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Per la stabilizzazione deli Asu sul piano tecnico e burocratico è stato fatto tutto il possibile, ore è sul piano politico che occorre muoversi per evitare che il governo nazionale blocchi il processo di stabilizzazione di 4.571 lavoratori che sono in questa condizione di precariato da 24 anni". Ad affermarlo è il deputato autonomista Giuseppe Compagnone, che prosegue: "E’ una battaglia di civiltà e di dignità del lavoro attorno alla quale tutte le forze sindacali e politiche siciliane hanno saputo trovare la sintesi, fornendo un fondamentale contributo all’approvazione dell’articolo 36 della legge di stabilità. Ora è tempo di ritrovare quello stesso spirito di unità e giustizia e trasferirlo alla deputazione nazionale. Tutti i deputati ed i senatori, di ogni colore politico, ed in particolare quelli siciliani, devono sapere che la questione o si risolve a Roma o non si risolve! Credo – conclude - che la proposta formulata dall’assessore Scavone di istituire con il Governo centrale un tavolo tecnico per definire il percorso di stabilizzazione degli Asu debba diventare proposta comune di tutto il parlamento siciliano. Confido nel buon senso dei miei colleghi e nella loro capacità di convincere i livelli nazionali".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stabilizzazione lavoratori Asu, Compagnone: "La questione va risolta a Roma"

PalermoToday è in caricamento