Zamparini: "Sento Cascio ogni giorno, voglio dargli il Palermo"

Torna d'attualità il nome dell’ex manager di Michael Jackson. Il presidente ammette: "Dopo l'indagine della Finanza l'ho dovuto rassicurare, gli ho mandato un sms: 'Non ti spaventare, in Italia sono così"

Frank Cascio

Fra i due litiganti il terzo potrebbe godere. Torna d'attualità il nome di Frank Cascio, l’ex manager di Michael Jackson che a distanza di quasi un anno dal suo arrivo in città - quando fu accolto all’aeroporto Falcone e Borsellino come il salvatore della patria - potrebbe tornare alla carica provando nuovamente ad acquistare il Palermo.

"Sorridi che domani andrà peggio", insegna la legge di Murphy. Lo sa bene anche Zamparini che nonostante le tante vicissitudini ha sempre provato a non fare affondare una nave che da tempo imbarca sempre più acqua. Il blitz odierno della guardia di finanza sia in sede che a casa dell’imprenditore friulano per una serie di controlli nell’ambito di un’inchiesta in cui si ipotizzano reati di faldo bilancio, appropriazione indebita, riciclaggio e autoriciclaggio, non può certo essere considerato un fulmine a ciel sereno.

A Palermo forse è arrivato il tempo di cambiare musica ed è per questo che Zamparini proverà nuovamente a cedere il club a Cascio. A confermarlo è lo stesso patron rosanero che in giornata ha svelato: “Sto cercando di cedere il Palermo a una società che possa assicurare investimenti futuri - ha detto all'Ansa - e sono giornalmente in contatto con Frank Cascio e l'ho dovuto rassicurare dopo questa indagine della Finanza. Gli ho mandato un sms: 'Non ti spaventare, in Italia sono così'".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Zamparini però fa trasparire un tiepido ottimismo: “Sono già stato indagato e prosciolto - continua - ma all'estero l'impatto di certe notizie è devastante. Bastava che i pm mi chiamassero per chiarire tutto e invece si è creato tutto questo. Sono preoccupato per il futuro perché per esempio - svela Zamparini - ho acquistato un giocatore all'estero con pagamento dilazionato. Non vorrei che tutto saltasse. E' successo tutto per un'ottimizzazione di bilancio che nulla ha a che fare con il patrimonio. Quello che mi fa paura di questo Paese è proprio questo. Finché non ci ribelliamo, le cose andranno avanti così". Strano, ma vero. Zamparini dunque starebbe davvero trattando nuovamente con Cascio, la stessa persona che un anno fa non era stata ritenuta credibile e affidabile dall’imprenditore friulano, ma che adesso potrebbe davvero acquistare il Palermo. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ordinanza di Orlando, divieti non solo in centro: "Ecco le strade dove non ci si potrà fermare"

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Le mosse anti Covid di Orlando: nessun coprifuoco ma divieto di sostare in strada

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Gli insulti, la sparatoria in piazza e la chiamata al 112: "Questa è l'arma con cui l'ho ucciso"

  • Incidente a Boccadifalco, schianto tra 2 auto: tre feriti, uno è grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento