rotate-mobile
Volley

Lo scontro diretto dice Viagrande, Re Borbone al tappeto in tre set

Il Viagrande passa con autorità al Palaoreto (3-0) e si isola al secondo posto. Palermitani sconfitti dopo due mesi e mezzo, ora i “play-off” sono più lontani

Ritorno in campo amaro per la Re Borbone Saber Palermo che, nella prima giornata di ritorno del campionato di Serie B maschile di volley, ha subìto al Palaoreto la prima sconfitta casalinga della stagione ad opera dell'Universal Viagrande. Lo scontro tra le due formazioni che occupavano il secondo posto è stato dominato dai catanesi di Saro Trombetta che si sono imposti con un secco 3-0 (25-21, 25-16, 25-18) e ora mettono una seria ipoteca sulla conquista dei play-off.

La Re Borbone Saber Palermo era reduce da sei vittorie consecutive e non perdeva dal lontano 22 ottobre (0-3 sul campo della capolista Letojanni), ma stavolta – come all'andata – ha dovuto dare via libera all'Universal Viagrande che ha fatto leva sull'inarrestabile Boscaini. Il sestetto di Nicola Ferro ha provato a restare aggrappata ai rivali, passando in vantaggio all'inizio di tutti e tre i set, ma alla distanza ha ceduto commettendo troppi errori. La ricezione è stata carente, il muro non ha fatto argine e nonostante la buona vena di Atria la squadra di casa ha subito a lungo le giocate potenti dei catanesi.

La cronaca. La Re Borbone Saber è partita bene (2-0) e fino al 14-15 ha retto bene l'urto. Poi il Viagrande ha allungato (20-16) e chiuso il primo set sul 25-21. I palermitani hanno fatto ancora sperare i loro tifosi all'inizio del secondo parziale, ma giunti sul 7-4 sono clamorosamente usciti di scena e gli ospiti hanno passeggiato fino al 25-16. Ferro, costretto a far rifiatare Gruessner che si è spento dopo un buon avvio, ha provato a far ruotare la squadra inserendo anche l'ultimo arrivato Banaouas, ma senza ottenere i risultati sperati. La Re Borbone Palermo ha iniziato con buon piglio anche il terzo set (1-0, 3-1, 4-2), ma quando l'Universal Viagrande ha forzato i tempi è venuta fuori la migliore tecnica degli etnei che hanno raggiunto il 25-18 finale. 

Il tabellino
Re Borbone Saber Palermo - Universal Viagrande 0-3
Re Borbone Saber Palermo: Sutera, Blanco 8, Donato, Gruessner 5, Brucia, A. Simanella 3, Lombardo 3, Galia 5, Giordano, Opoku, G. Simanella 2, Atria 13. All. Nicola Ferro.
Universal Viagrande: Bandieramonte 5, Bottino 5, Nicolosi 7, Dato, Giardina 1, De Costa, Sanfilippo 3, Libra, Boscaini 14, Lo Presti 5. Allenatore: Rosario Trombetta
Arbitri: Alberto Mancuso e Giuseppe Citro di Salerno 
Parziali: 21-25, 16-25, 18-25 

I commenti
L’allenatore Nicola Ferro: “Non siamo mai stati tranquilli e abbiamo finito lasciandoci travolgere. Non c'è nulla da salvare dopo una prestazione così negativa, né dal punto di vista caratteriale né da quello tecnico: la differenza è stata abissale. Forse Atria è stato l'unico a salvarsi, ci ha creduto fino alla fine, ma accanto a lui c'è stato il deserto. Ci siamo estraniati dal gioco col passare dei minuti, senza comunque dimenticare che i nostri avversari sono forti e hanno fatto la partita perfetta come era già successo all'andata. Ma noi non abbiamo mostrato carattere, non abbiamo reagito in alcuna maniera e mai avevamo ricevuto così male”.
Il presidente Giorgio Locanto: “Viagrande ha ottime individualità e una base tecnica superiore: non hanno sbagliato praticamente nulla e la sconfitta poteva starci. Ma non mi è andato giù l'atteggiamento della mia squadra, dovevamo sopperire con la grinta e il carattere. Invece abbiamo facilitato il compito ai nostri avversari, non siamo riusciti a spezzare il loro ritmo e ci sono stati troppi appoggi sbagliati. Non vedere una reazione caratteriale mi ha molto amareggiato, al di là della sconfitta”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo scontro diretto dice Viagrande, Re Borbone al tappeto in tre set

PalermoToday è in caricamento