rotate-mobile
Volley

La Re Borbone Saber rimonta Cinquefrondi e fa sei di fila

Altro successo per la squadra di coach Ferro che prima soffre ma poi vince 3-1 con Cinquefrondi

Dalla paura al trionfo. Il sesto consecutivo. La Re Borbone Saber Palermo non si ferma e nell’ultima giornata di andata del campionato di Serie B maschile di volley mette a tacere anche le velleità del Cinquefrondi che al Palaoreto si arrende dopo 4 set combattuti e ad alta tensione, come dimostra il 3-1 finale (parziali 19-25, 26-18, 25-23, 25-21) che permette al sestetto di Nicola Ferro di proseguire la straordinaria serie positiva e di rafforzare la seconda posizione in classifica, a braccetto con l’Universal Viagrande (che è passata a Siracusa per 3-1) ma staccando il Raffaele Lamezia che ha riposato.

Contro i calabresi del Cinquefrondi – che inseguivano a sole tre lunghezze di distacco – è stato un match senza pause e ricco di emozioni. Come la settimana precedente a Lamezia, la Re Borbone Saber Palermo è partita contratta e timorosa, lasciando il primo set ai rivali. Poi capitan Blanco ha suonato la carica e la formazione biancoverde ha fatto leva sull’orgoglio e il carattere per ribaltare il risultato e portare a casa tre punti preziosissimi. La sesta vittoria consecutiva anche stavolta è firmata dall’opposto italo-tedesco Fabian Gruessner, che ha portato in dote ben 24 punti e solo alla fine ha ceduto alla fatica dopo una prova da incorniciare. Ma tutta la squadra – dal sempre efficace Lombardo ai fratelli Simanella, dal libero Sutera ad Atria che si è fatto trovare pronto al momento opportuno - ha mostrato voglia, coesione e spessore tecnico, soprattutto quando la strada si era fatta in salita.

Ora il campionato si concede la meritata pausa di fine anno. Il girone di ritorno inizierà il 7 gennaio e per la Re Borbone Saber Palermo – che riceverà al Palaoreto l’Universal Viagrande - sarà un ritorno coi botti, uno “spareggio” che può decidere un’intera stagione.

La cronaca. Re Borbone Saber all’inizio svogliata e dormiente. Il Cinquefrondi, ben sostenuto dall’asse Laganà-Dipasquale, va subito sul 4-0, contiene il timido tentativo di reazione dei palermitani e allunga fino al 25-19 col quale si conclude il primo set. Ferro scuote i suoi e al cambio di cambio la squadra di casa ritrova la giusta verve. Migliora il palleggio, si alza il muro e si mettono a terra palloni importanti. C’è equilibrio fino al 9-9, i ragazzi di Calabria resistono fino al 19-17, poi alzano bandiera bianca per il 25-18 che riporta il match sull’1-1. Il terzo set si gioca punto a punto, poi il Cinquefrondi prova l’allungo: 10-8, 18-14, 22-18. Si fa dura, ma la Re Borbone Saber c’è e non si arrende. L’aggancio sul 23-23, poi Gruessner la chiude (25-23). Anche l’ultimo parziale è da brividi: i biancoverdi scattano (10-5), ma si fanno riprendere (15-15), Cinquefrondi resiste fino al 22-20, poi è festa Palermo.

Il tabellino
RE BORBONE SABER PALERMO-JOLLY CINQUEFRONDI 3-1
RE BORBONE SABER PALERMO: Sutera (L1), Blanco 8, Donato (L2), Ferro, Gruessner 24, Brucia, A. Simanella 3, Lombardo 12, Galia, Giordano, Opoku, G. Simanella 6, Atria 5. All. Nicola Ferro.
JOLLY CINQUEFRONDI: Crucitti, Pugliatti, Laurendi, Cimino, Lopetrone, Remo 4, Arena 4, Depasquale 16, Renzo 2, Fe. Filianoti, Laganà 20, Zerbonia, Melara, Fr. Filianori. Allenatore: Francesco Giglietta
Arbitri: Marianna Ricceri e Paolo Pirronitto 
Parziali: 19-25, 25-18, 25-23, 25-21  

I commenti
L’allenatore Nicola Ferro: “Cinquefrondi si è dimostrata una buona squadra, com’era nelle previsioni, con l’opposto Laganà di categoria superiore. Siamo stati bravi a mantenere la calma e la lucidità, ribaltando una partita che si era messa in salita. È stata una fotocopia del match di Lamezia, con l’ennesima falsa partenza. Poi loro sono calati in battuta, mentre noi abbiamo ricevuto meglio. Con un palleggiatore nuovo e tanti giovani in panchina, credo che possiamo essere soddisfatti del nostro cammino. Letojanni e Viagrande sono forse più complete, ma devono dimostrarlo. Nel ritorno avremo gli scontri diretti in casa, dipende da noi”.
Il presidente Giorgio Locanto: “Come avevamo previsto è stata una partita complicata. Cinquefrondi è squadra ostica e combattiva, con individualità importanti. Purtroppo, anche stavolta siamo partiti lenti, ci abbiamo messo un set e mezzo per carburare. Poi per fortuna è venuta fuori la nostra qualità e ci siamo imposti. Il nostro muro è difficile da superare, siamo cresciuti in ricezione e costruzione, conquistando un successo preziosissimo. Un plauso a tutta la squadra e al nostro staff tecnico. Ora ci godiamo la pausa e guardiamo con fiducia al girone di ritorno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Re Borbone Saber rimonta Cinquefrondi e fa sei di fila

PalermoToday è in caricamento