rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Sport

Prova d’orgoglio per il Telimar Palermo: a Brescia il ko matura solo nel finale

Il club dell'Addaura resiste ai campioni d’Italia in carica per tre tempi. Alla piscina di Mompiano i padroni di casa producono lo strappo decisivo nell’ultimo quarto del match

Prova d’orgoglio per il TeLiMar Palermo, che resiste ai campioni d’Italia in carica per tre tempi. Alla Piscina di Mompiano, i padroni di casa dell’AN Brescia nell’anticipo della settima giornata del campionato di pallanuoto maschile di serie A1 hanno la meglio solo sul finale, con il punteggio di 14-10. Dopo essere passati subito in svantaggio, i palermitani li costringono a rincorrere per tutto il primo tempo. Poi, il club dell’Addaura rimane agganciato, rispondendo colpo su colpo fino allo strappo decisivo dei bresciani, arrivato soltanto all’inizio dell’ultima frazione di gioco.
 
Partono bene i palermitani con Vlahovic che sblocca il risultato dopo 1’37 dalla prima palla al centro. Pareggiano i padroni di casa con Luongo in superiorità numerica. Reagisce subito il TeLiMar con una gran botta dalla distanza di Basic, che prima colpisce il palo, con la palla che poi carambola sulla schiena di Tesanovic e finisce in rete. Il Brescia ha l’occasione di riportare la partita in equilibrio, ma spreca un rigore con Vapenski che non va oltre il palo alla destra di Nicosia. Su capovolgimento di fronte, tiro dai cinque metri anche per il Club dell’Addaura. Va Vlahovic, che viene, però, bloccato da Tesanovic. Il TeLiMar ancora su rigore, stavolta con Irving, ma è una fotocopia del primo, con l’estremo difensore bresciano a salvare la porta. La doppietta personale di Luongo chiude il primo tempo sul 2-2.

Azione rapidissima del Brescia, che in avvio della seconda frazione di gioco si porta per la prima volta in vantaggio con Renzuto. Riporta equilibrio Irving su uomo in più per il 3-3. I leoni ci riprovano con un tiro di Dolce su cui Nicosia può solo arrivare a deviare, allungandone la traiettoria all’angolino basso. Al terzo tentativo, Vlahovic trasforma un rigore per il 4-4. Dolce, però, su uomo in più porta il Brescia di nuovo in vantaggio. I padroni di casa vorrebbero allungare, ma Nicosia è impeccabile e para un rigore a Di Somma. Doppio vantaggio raggiunto, però, poco dopo dagli uomini di Bovo con Renzuto al termine di un buon fraseggio. Buona la reazione del TeLiMar, che chiude la prima metà della gara sul 6-5 con la rete in superiorità del capitano Ciccio Lo Cascio.

Dopo una doppia parata di un ottimo Nicosia, in controfuga è Vlahovic a portare gli ospiti sul 6-6. Gitto dalla distanza prova a riaprire il discorso, ma è Marziali su uomo in più a portare i palermitani sul 7-7. Vapenski di forza per l’8-7, ma continua il botta e risposta, con una gran beduina di Del Basso e con Renzuto su uomo in più per il 9-8 che chiude il terzo quarto.

Lo strappo arriva nell’ultimo quarto del match, con Di Somma che porta il Brescia sul 10-8. Il TeLiMar prova a restare agganciato ai Campioni d’Italia in carica, ma Renzuto e Presciutti portano i padroni di casa sul +4 a poco più di 3’ dal termine. Irving accorcia con un tiro a filo d’acqua, ma a 2’02 è Lazic a mantenere le distanze. Ruba palla di nuovo Irving che fa tutto da solo per il 13-10. Sull’ultima azione, Dolce alza per Lazic che la mette dentro per il definitivo 14-10.
Uscito per limite di falli Irving (TeLiMar) nel quarto tempo.
 
"Partite come queste – sottolinea il portiere Gianmarco Nicosia, che (anche oggi) ha parato un rigore -, servono a prendere sempre più consapevolezza nei nostri mezzi e ci possono aiutare molto a creare quella fiducia che può incidere, può essere il valore aggiunto, in momenti chiave della stagione. Adesso, abbiamo una settimana intensa per riflettere e agire in vista di mercoledì prossimo, quando ospiteremo la Rari Nantes Salerno. Ci faremo trovare pronti. Ci aspetta una settimana di carico, finalmente, dopo che nell’ultimo periodo fra i tanti impegni ci siamo potuti potuto preparare poco a livello fisico. Sarà, dunque, una settimana di duro lavoro per affrontare il prossimo filotto di partite al meglio possibile".
 
Parziali: 2-2; 4-3; 3-3; 5-2.
Superiorità: AN Brescia 3/8 + 1 rig. fallito nel 1°tempo da Vapenski e 1 rig. parato da Nicosia nel 2°tempo; TeLiMar 3/8 + 3 rigori (2 parati da Tesanovic nel 1°tempo).
 
Il tabellino

AN Brescia: Tesanovic, Dolce 2, Presciutti C. 1, Gianazza T., Lazic 2, Vapenski 1, Renzuto Iodice 4, Balzarini, Alesiani, Luongo 2, Di Somma 1, Gitto 1, Gianazza M. – Allenatore: Alessandro Bovo
TeLiMar: Nicosia, Del Basso 1, Turchini, Di Patti, Occhione, Vlahovic 3 (1 rig.), Giliberti, Marziali 1, Lo Cascio 1, Irving 3, Lo Dico, Basic 1, De Totero - Allenatore: Marco Gu Baldineti
Arbitri: Filippo Gomez, di Napoli, e Fabio Ricciotti, di Roma - Delegato: Dante Saeli
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prova d’orgoglio per il Telimar Palermo: a Brescia il ko matura solo nel finale

PalermoToday è in caricamento