Palermo, la "rivoluzione del Gattopardo": Tedino in panchina, Foschi nuovo ds

L'allenatore era stato esonerato la scorsa stagione, a lui era subentrato Roberto Stellone: "Sono molto felice e carico". Anche per il dirigente, storico collaboratore di Zamparini, si tratta di un ritorno: "Non potrei mai rifiutare Palermo"

Bruno Tedino e Rino Foschi

La notizia era nota da giorni, ora ci sono i crismi dell'ufficialità. Bruno Tedino - esonerato la scorsa stagione per Roberto Stellone - torna sulla panchina del Palermo, mentre Rino Foschi sarà il nuovo direttore sportivo. Una mini rivoluzione, anche se per entrambi si tratta di un ritorno alla corte di Zamparini.

"L'Us città di Palermo - si legge sul sito della società rosanero - comunica che la guida tecnica della prima squadra è affidata a Bruno Tedino". Il tecnico dirigerà il primo allenamento della nuova stagione domenica 15 luglio nel ritiro di Sappada. "Sono molto felice e carico - afferma Tedino - e mi piacerebbe ripartire con quell'immutato spirito di sacrificio e di lavoro che ha sempre contraddistinto la squadra. Sono determinato e ringrazio la società per avermi dato nuovamente fiducia, proveremo a ricambiarla con il lavoro sul campo. Non vedo l'ora di tornare a lavorare con la squadra, sono convinto che potremo divertirci interpretando il prossimo campionato con uno spirito propositivo. Avverto nell'aria lo spirito giusto per pervenire a un buonissimo risultato". 

Lo storico collaboratore invece torna nuovamente a collaborare con il patron friulano. "Rino Foschi - si legge ancora sul sito - è il nuovo direttore dell’Area Tecnica. Insieme al dirigente romagnolo si sono legati al club rosanero anche Maurizio Marin (Collaboratore Area Tecnica) e Giuseppe Corti (Responsabile Area Scouting). La Società ringrazia Roberto Stellone e il suo staff, e Aladino Valoti, per il lavoro svolto". Un mese fa Foschi a PalermoToday aveva ammesso: "Non potrei mai rifiutare Palermo, questa terra mi ha dato tantissimo. E' sempre un piacere oltre che un grande onore parlare di questi colori. I contatti fra me e Zamparini ci sono sempre stati dal 2002 ad oggi. Fra noi c’è sempre stato tanto rispetto e confronto, ma anche momenti di sospensione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

Torna su
PalermoToday è in caricamento