Sport

Correndo verso l'integrazione, un corso di atletica pensato (anche) per i disabili

Il protocollo dell'associazione sportiva dilettantistica "Fuori dagli Schemi"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

L’Asd "Fuori dagli Schemi" nasce dall’unione di quattro percorsi e di quattro approcci diversi, complementari. In particolare il progetto “Correndo verso l’integrazione” nasce dodici anni fa, dall’esperienza di uno dei soci fondatori, il dottor Antonio Cicero, neuropsicomotricista dell’età evolutiva, con un bambino affetto da sindrome autistica. La sua idea fu quella  di un protocollo di allenamento adatto a migliorare non solo le capacità motorie e prestative dell’atleta ma anche e soprattutto l’area relazionale, obiettivo target quando  ti trovi davanti a questo tipo di disabilità. Nacque questo protocollo, fino ad allora applicato solo con un bimbo.

Tale protocollo, frutto delle conoscenze accademiche e delle esperienze del dottor Cicero, negli anni è stato affinato e limato sulla base della immensa variabilità della sindrome. Questa  riguarda sia la sfera fisica che quella  relazionale. L’obiettivo delle sessioni, così come “il rinforzo dato al bambino” per ogni comportamento positivo è la relazione. Nel raggiungimento di  questo obiettivo prioritario, si individuano obiettivi motori da raggiungere sessione per sessione. Il tutto è proposto al bambino in maniera ludica, di modo che quel posto sia da subito per la persona un luogo felice, dove si ha voglia di tornare.

Per questo ultimo obiettivo, la creazione di un posto felice, lo stadio delle Palme è un ambiente decisamente facilitante; in primo luogo  perché lo spazio ampio, il panorama e l’aria fresca e pulita consentono al bambino di sentirsi immerso nella natura, ma in un ambiente sicuro e controllato. E in secondo luogo, e da non sottovalutare è il gruppo. Vedere altri bambini che sorridono, che corrono, che si divertono, rappresenta un enorme stimolo. Negli anni, alla professionalità del dottor Cicero, si è aggiunta quella di un altro socio fondatore di Fuori Dagli Schemi, atleta e allenatore della nazionale Italiana di atletica leggera Fispes ( federazione Italiana sport Paralimpico e sperimentali) e referente tecnico per la Sicilia  dell’atletica Fisdir ( Federazione Italiana sport disabilita’ intellettiva relazionale ), Francesco La Versa.

Stadio delle Palme schifani - foto Giacomo Sammarco 1-2

Interessato dal metodo si avvicinò a quest’attività e si riconobbe affine al protocollo. I due cominciarono a collaborare, il numero dei bambini crebbe e anche il metodo  negli anni fu arricchito. In ultimo si aggiunse alla squadra, all’inizio da volontaria, la dottoressa Noemi Piccionello, anche lei socia fondatrice, chinesiologa ed esperta delle attività motorie preventive e adattate. Valentina Lo Bello, altra socia fondatrice di Fuori dagli Schemi, educatrice della prima infanzia e onoterapista contribuisce alle finalità dell’associazione occupandosi delle attività riservate alle fasce di età dai 4 ai 6 anni. Oggi l’Asd cresce, con i principi di base di 12 anni prima ma con un obiettivo in più, quello dell’integrazione del gruppo di bambini disabili con un gruppo di bambini normodotati. Siamo consapevoli di essere fuori dagli schemi, ma siamo certi che certi schemi… bisogna abbatterli.

L'attività in quattro fasi

L’attività che la società si prefigge di svolgere è un avviamento all’atletica leggera con una buona base di psicomotricità. Il gruppo è costituito da due sottogruppi: un gruppo di normodotati e un gruppo di persone  con disabilità intellettive relazionali , nello specifico con sindromi dello spettro autistico. Nella programmazione  sono previsti dei momenti di lavoro congiunto dei due gruppi e dei momenti di lavoro separato,cosi’ da garantire per entrambi i gruppi un ottimale raggiungimento degli obiettivi prefissati. Il gruppo di normodotati è affidato a uno/due allenatori qualificati, mentre per il gruppo di disabili è previsto un rapporto 1:1. Durante l’anno di attività inteso come macrociclo si avvicendano le seguenti fasi:

Fase 1: ACCOGLIENZA ed ESPLORAZIONE DELL’AMBIENTE
Il lavoro comincia nel momento in cui il bambino arriva allo stadio per la prima volta. Questo momento è infatti importantissimo, in quanto rappresenta l’impatto che quel luogo avrà sul bambino e dunque da subito l’obiettivo è farlo sentire a suo agio, nei suoi tempi e con i suoi spazi.  Si tende quindi, in questa fase, a facilitare le reazioni positive spontanee del bambino, valutandone le caratteristiche e le competenze.

Fase 2: SOCIALIZZAZIONE
Dopo una prima fase di accoglienza ed esplorazione dell’ambiente, si passa alla seconda fase di socializzazione. In questa fase l’operatore avrà la possibilità di raccogliere delle informazioni su cui costruire un piano di intervento individualizzato.

FASE 3: RIMODULAZIONE DEGLI SCHEMI MOTORI 
In questa fase l’operatore lavora sugli schemi motori di base, come deambulazione, salto, corsa e quadrupedia puntando al raggiungimento della coordinazione crociata.

FASE 4: POTENZIAMENTO e AFFINAMENTO DELLO STILE IN BASE ALLA SPECIALITA’ ATLETICA PRESCELTA
Questa fase si raggiunge nel tempo, quando sono già state affinate le capacità motorie di base e l’individuo è pronto a uno stress fisico ed emotivo che una eventuale prestazione agonistica potrebbe richiedere. L’obiettivo del progetto e quello di creare un luogo sano dove fare sport e creare momenti di integrazione e non di meno valorizzarsi attraverso la pratica sportiva.


 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Correndo verso l'integrazione, un corso di atletica pensato (anche) per i disabili

PalermoToday è in caricamento