Sport Torretta

Il Palermo al fianco del sociale, firmato accordo con l'associazione Libera e Città Metropolitana

La firma è avvenuta dove sorgeranno i terreni in cui prenderà forma il nuovo centro sportivo rosanero a Torretta. Presenti oltre al presidente Mirri anche Don Ciotti, Orlando e il vice presidente Marcel Vulpis. Previsto un calendario di iniziative rivolte a tutti i ragazzi d’Italia

Unire le forze per combattere la criminalità organizzata e favorire lo sviluppo della cultura della legalità e dell’etica nello sport. Palermo sempre più sociale, ed è proprio con questo intento che in mattinata è stato siglato l’accordo tra Libera, Lega Pro e Palermo Fc, proprio lì dove sorgeranno i terreni in cui prenderà forma il nuovo centro sportivo rosanero a Torretta. Un nobile contorno nell’ambito delle iniziative di sensibilizzazione per la Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, appena trascorsa. Il Palermo si impegna a dare vita a un calendario di iniziative rivolte a tutti i ragazzi d’Italia. 

Presenti a Torretta, in buona compagnia del presidente Dario Mirri, il vice presidente della Lega Pro, Marcel Vulpis, il presidente di Libera, Don Luigi Ciotti  e il sindaco della città metropolitana Leoluca Orlando. “Una visita – si legge sui canali ufficiali del club rosanero - dal forte valore simbolico quella di Don Ciotti e di Libera, la rete di associazioni da sempre impegnata “contro” le mafie, la corruzione, i fenomeni di criminalità e chi li alimenta. Soprattutto in un comune come quello di Torretta, fortemente condizionato dall’influenza della criminalità mafiosa al punto da essere stato sciolto e commissariato dalla Prefettura di Palermo”.

Con l’accordo programmatico firmato oggi, dopo il saluto di Orlando, il nuovo centro sportivo del Palermo si impegna a nascere già sotto la stella della legalità e della giustizia sociale e si avvia fin da subito verso un percorso di valorizzazione del territorio attraverso una serie di iniziative concrete. “Grazie alla sinergia con la rete associativa coordinata da Libera Palermo – continua il comunicato - la struttura sportiva ospiterà una serie di attività che intercettano i percorsi di contrasto alla povertà educativa minorile in diversi quartieri di Palermo, affiancando, fra gli altri, i percorsi di riscatto dei ragazzi messi alla prova dell’area penale minorile: tornei, camping di volontariato e impegno aperti a giovani da tutta Italia, incontri formativi e tante altre iniziative di alto valore sociale, in linea con il codice etico e la mission del Palermo FC, che fin dalla sua nascita ha sempre esercitato il proprio ruolo istituzionale bel al di là della semplice attività sportiva, con forti ricadute nel tessuto sociale.

“Il nuovo centro sportivo - afferma Mirri - sarà dunque un presidio costante per la lotta a tutti i tipi di criminalità organizzata e una 'casa' sempre aperta per chiunque, in ogni modo e in particolare attraverso i valori sani dello sport, si batta per sensibilizzare i giovani verso la cultura della legalità".

“Questo Protocollo di Intesa – ha dichiarato invece Orlando - costituisce la conferma dell'impegno della società e la squadra del Palermo Calcio per realizzare un centro sportivo che abbia come finalità, non soltanto l’attività agonistica e calcistica, ma anche la complessiva promozione dello Sport come strumento di promozione sociale e di rispetto di principi di etica e di legalità. La firma e la presenza di Don Luigi Ciotti – ha aggiunto il sindaco - è la conferma di questa missione al servizio dell'intera area metropolitana di Palermo. Su questa strada – ha concluso Orlando - gli 82 Comuni della Città Metropolitana di Palermo sono in cammino, e lo sport può senz'altro aiutare a rafforzare questo percorso di crescita  sociale e culturale”
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Palermo al fianco del sociale, firmato accordo con l'associazione Libera e Città Metropolitana

PalermoToday è in caricamento