E’ un Palermo... Modestino, rosa fermati dal San Tommaso sull’1-1

Anticipo amaro per gli uomini di Pergolizzi che trovano il vantaggio nei minuti iniziali della ripresa con Langella. Ma a cinque minuti dalla fine Alleruzzo trova il pari che fa esplodere di gioia i tifosi locali. Domani il Savoia potrebbe portarsi a -1

San Tommaso-Palermo

E’ un sabato amaro per il Palermo: Langella segna ancora, ma questa volta illudendo i propri compagni di squadra, perchè minuti finali del match sarà Alleruzzo a gelare i rosa siglando il pari. Il Palermo dunque perde due punti in un campo abbordabile come quello del Modestino De Ciccio di Pratola Serra. Si complica adesso la scalata verso la promozione per gli uomini di Pergolizzi: il Savoia domani pomeriggio giocherà in casa del Castrovillari e vincendo si porterebbe a una sola lunghezza dai rosa.

Cambio di gerarchie nell’undici iniziale di Pergolizzi. C’è Floriano nel tridente offensivo, soltanto panchina invece per Ficarrotta. Cambio di rotta anche a centrocampo, al fianco di Martin (recuperato) e Martinelli c’è Langella e non Kraja. Si riparte da loro, ma anche e soprattutto dal solido quartetto difensivo composto da Crivello e Lancini al centro della difesa e da Doda e Vaccaro sulle corsie. Pelagotti fra i pali. E non sarà affatto semplice per gli uomini di Liquidato fronteggiare una formazione così spavalda, rinvigorita per lo più dai nuovi acquisti. Anche perché se c’è un vero e proprio punto debole degli irpini, quello è proprio il reparto difensivo. I 37 gol subiti iniziano a pesare sulle spalle di Colarusso, Pagano e Mannone, tutti e tre schierati titolare quest’oggi da Liquidato. Poca incisività anche in avanti, dove spetterà al tandem composto da Sabatino e Branicki provare ad abbattere il muro rosa. Tanto, però,  si deciderà a centrocampo e non è un caso che Liquidato si sia affidato ancora una volta al suo classico 3-5-2: l’obiettivo del tecnico degli irpini infatti sarà proprio quello di soffocare le manovre offensive degli ospiti, provando magari a sfruttare il più possibili i palloni vaganti in mezzo al campo. 

Calcio palermitano in lutto: è morto Carmelo Bongiorno

Che fra le due squadre in campo ci sia un evidente divario tecnico lo si capisce fin dai primi minuti del match, ma ciò nonostante la prima frazione di gioco andrà in archivio senza acuti né da una parte né dall’altra. Tantissimo spazio in mezzo al campo per il francese Martin nonostante la supremazia di maglie biancoverdi, il Palermo dà l’impressione di poter vincere quasi tutti gli scontri individuali, il gioco è parso più fluido rispetto alle ultime uscite, ma è proprio negli ultimi metri che continua a mancare qualcosa, anche e soprattutto da Gianni Ricciardo. E non è un caso infatti se la prima e unica occasione dei rosa nel primo tempo porta la firma di Langella, un centrocampista e non un attaccante, mandato a tu per tu con il portiere avversario da un’ottima intenzione del solito Felici. Brava in questo caso la difesa irpina a immolarsi sulla conclusione del centrocampista dei rosa che per poco non valeva il vantaggio. Poi gli irpini gonfiano il petto e iniziano a mettere in difficoltà gli ospiti: dopo aver passato circa metà del primo tempo in apnea i padroni di casa iniziano, seppur timidamente, ad emergere, anche e soprattutto dalla corsia di sinistra, dove Vaccaro infatti sarà sicuramente l’uomo maggiormente impegnato nelle file di Pergolizzi. Da Vaccaro a Doda: l’esterno albanese a ridosso del duplice fischio sarà costretto a lasciare il terreno di gioco per infortunio, dopo un durissimo intervento di Alleruzzo. Al suo posto c’è Peretti. 

E sono bastati meno di 60 secondi al Palermo per sbloccare il match nella ripresa: freddato in avvio il San Tommaso con un mancino chirurgico di Langella. Secondo gol consecutivo per il centrocampista dei rosa. Una rete pesante, pesantissima, proprio come quella siglata col Marsala. I padroni di casa accusano il colpo, richiudendosi in quel limbo che aveva contraddistinto in negativo la loro prima parte della partita. Così Liquidato cambia modulo ed interpreti, richiamando in panchina Castro per il velocissimo Konate. Pergolizzi prende subito le contromisure e al 70’ mette un punto all’esordio in maglia rosa di Floriano, regalando l’ultimo scorcio del match a Ficarrotta. Dopo l’attaccante palermitano entreranno in campo anche Silipo e Sforzini, ma la beffa per il Palermo sarà soltanto dietro l’angolo, perché negli ultimi minuti del match Alleruzzo spedirà di testa il pallone oltre le spalle di Pelagotti gelando Pergolizzi e tutta la panchina dei rosa. Poi il Palermo chiuderà anche in dieci per l’espulsione di Vaccaro, sanzionato dal direttore di gara per una reazione scomposta sull’avversario. Si chiude con questa fotografia il secondo impegno del nuovo anno per il Palermo. 

Il tabellino

Marcatori: 46’ Langella; 85’ Alleruzzo. 

SAN TOMMASO: Landi, Lambiase, Madonna, Colarusso, Mannone, Pagano, Alleruzzo (Cap.),  Castro (55’ Konate), Sabatino (85’ Colucci), Branicki, Massaro. All. Liquidato. 

PALERMO: Pelagotti 6, Doda  6(41’ Peretti), Crivello 5,5, Lancini 5,5, Vaccaro 5;  Martinelli 6(Cap.), Martin 6, Langella 6,5; Floriano 5,5 (70’Ficarrotta), Ricciardo 5 ( 81’ Sforzini), Felici 6(76’Silipo). All. Pergolizzi

ARBITRO: Mattia Ubaldi. 

NOTE – Ammoniti: 38’ Alleruzzo; 46’ Floriano;  Espulsi: Vaccaro
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

  • Sospetto caso di Coronavirus, mascherine e fuggi fuggi al pronto soccorso del Cervello

Torna su
PalermoToday è in caricamento