menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'esultanza di Nestorovski dopo il gol dell'1-0

L'esultanza di Nestorovski dopo il gol dell'1-0

Sampdoria-Palermo 1-1, un eurogol beffa i rosa al 95': cronaca, commenti e pagelle

Nestorovski illude con un gol al 60'. Posavec, assoluto protagonista, si inchina su una sassata volante di Bruno Fernandes. Pareggio che brucia, ma Diamanti e compagni restano imbattuti fuori casa

Condannati all'ultimo respiro. Lo show di Posavec - quasi perfetto fino al 95' - finisce sulla sassata volante di Bruno Fernardes, il jolly scongelato da Giampaolo per tirare la Samp fuori dai guai. Il portoghese acchiappa il Palermo sull'ultimo pallone della partita, quando i rosa erano pronti a festeggiare un altro, pesantissimo, exploit lontano dal Barbera dopo il solito golletto di Nestorovski. Finisce 1-1, e sono due punti buttati per il Palermo, condannato da una palla vagante, sputata fuori area da Gonzalez. Un campanile raccolto da Fernandes, bravo a scaricare di controbalzo con un calcio di rara potenza. Imprecazioni a parte, resta una certezza: il Palermo si conferma invincibile fuori casa.

Senza l'inciampo finale i rosa sarebbero schizzati a metà classifica, aggrappati ancora a Nestorovski, sempre più velenoso e a suo agio in questo campionato. Vero, questa Samp è sembrata in convalescenza, reduce com'era da quattro schiaffoni consecutivi. Eppure il Palermo, come è successo nelle altre trasferte, ha fatto sfogare l'avversario, per poi colpirlo al momento giusto. Una squadra piccola che fa le cose da squadre grandi. Oggi la Sampdoria è scesa in campo con il piglio giusto: spinta da un gran pubblico, si è affidata alle folate di Muriel. Il vento blucerchiato si è però scontrato su Posavec, a tratti superlativo, a tratti goffo.

L'uomo copertina del Palermo è Nestorovski, attaccante dallo stile antico. Unico ariete, grimaldello di una squadra spesso arroccata nella propria metà campo. Il bomber macedone lotta, dà e riceve spallate, apre il campo, segna alla prima palla utile e fa infuriare il pubblico avversario. In una parola sola, "Nesto" adesso è insostituibile. La Samp è bella a metà. Come il sole di autunno: splende ma non offende. Perché quando deve fare male e assestare il colpo decisivo, si perde nei dettagli. Una squadra che non ha coraggio e che - dopo le due vittorie all'inizio - ha perso lentamente le sue certezze. Non a caso, a tirarla fuori dai guai, è stata una mossa della disperazione del suo allenatore, Bruno Fernandes, quando i tifosi di casa stavano toccando con mano la quinta sconfitta di fila.

Al "Marassi" De Zerbi ha messo una squadra da battaglia, piazzando Gonzalez e Cionek ai fianchi di Goldaniga. In mezzo al campo i muscoli, il cervello e l'esperienza di Gazzi e Bruno Henrique per assistere, coprire e avviare le discese sprint di Rispoli e Aleesami, sempre più positivi con il 3-4-2-1 studiato da De Zerbi. L'inizio del Palermo è da shock. In 15 minuti la Samp produce quattro palle gol pulite. Posavec inizia sul pomeriggio da star allungandosi su Muriel, poi ringrazia Aleesami, che salva su Quagliarella nei pressi della linea. Sembra un monologo blucerchiato. Il Palermo prova a mettere la testa fuori, agendo di rimessa, ma le occasioni limpide sono tutte dei padroni di casa. Negli ultimi minuti del primo tempo Barreto coglie il palo di testa (deviazione decisiva di Posavec), poi il portierino rosa si addormenta prima di un rinvio: palla che schizza su Muriel, gran tiro e risposta del solito Posavec.

La Samp parte all'assalto anche nella ripresa: Skriniar tutto solo ciabatta la palla dell'1-0. Così, quando meno te l'aspetti, passa il Palermo. Ribaltamento di fronte dei rosanero, discesa sulla fascia sinistra di Aleesami, palla al centro per Nestorovski che controlla e insacca, approfittando di una dormita di Skriniar. C'è tempo per i padroni di casa, Giampaolo le prova tutte e si gioca i tre cambi, ma l'impeto blucerchiato col passare del tempo si affloscia. Sembra finita. Uno dei subentrati, Bruno Fernades, tenta l'eurogol con una rovesciata spettacolare in area. Un preludio di quello che sarà. Perché poco dopo l'eurogol piove veramente dal cielo. Al minuto 95. Una beffa che fa malissimo.

TABELLINO
SAMPDORIA 1. Viviano 6; Sala 5,5, Silvestre 6, Skriniar 4,5, Regini 6; Barreto 6, Torreira 6, Linetty 5,5 (64' Bruno Fernandes 7); Alvarez 5 (81' Praet s.v.); Muriel 6, Quagliarella 5 (62' Schick 5,5). Allenatore: Giampaolo 6. 

PALERMO 1.  Posavec 6,5; Cionek 6,5, Goldaniga 6, Gonzalez 5,5; Rispoli 6,5, Bruno Henrique 6 (70' Jajalo 6), Gazzi 5,5, Aleesami 7; Diamanti 6,5 (89' Bouy s.v.), Hiljemark 5,5 (55' Chochev 5,5); Nestorovski 7. Allenatore: De Zerbi 6,5.

Arbitro: Mariani 6
Reti: 60' Nestorovski, 95' Bruno Fernandes
Ammoniti: Viviano, Alvarez; Diamanti, Hiljemark, Nestorovski, Posavec, Gonzalez. ESPULSO: Gazzi

LE PAGELLE 
I MIGLIORI TODAY
NESTOROVSKI 7 Segna il terzo gol consecutivo in 3 partite giocate da titolare. Letale, cinico, spietato. Centravanti vecchia scuola, ha personalità da vendere. Aiuta i compagni, graffi e sportellate. Può crescere ancora.
ALEESAMI 7. Salva un gol sulla linea dopo cinque minuti (sarebbe stata una mazzata), poi prepara il blitz vincente di Nestorovski, con il suo marchio di fabbrica: discesa palla al piede sulla sinistra e palla al bacio nel cuore dell'area.
POSAVEC 6,5. Inizia il suo show dopo 4 minuti, quando si allunga su un missile assassino di Muriel. Para tutto, incartandosi a volte (come su un comodo rinvio), ma frana all'ultimo secondo su Bruno Fernandes. La palla gli finisce accanto: poteva fare meglio.

I PEGGIORI TODAY
HILJEMARK 5,5. Impalpabile, spreca una buona occasione nel primo tempo. In realtà non incide mai, già al 55' De Zerbi lo fa uscire.
GONZALEZ 5,5. In sofferenza quando Muriel passa dalle sue parti. Partecipa al gol del pareggio, quando il suo colpo di testa trova Bruno Fernandes.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento