rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Sport

Roberta Vinci dice "sì": la regina di Wimbledon diventa palermitana

Cerimonia a Villa Niscemi. La stella del tennis da alcuni anni vive e si allena nel capoluogo. "Ne abbiamo parlato, poi lei ha accettato di diventare cittadina onoraria - dice il sindaco Leoluca Orlando -. E' un onore abbracciare una simile campionessa"

Roberta Vinci diventerà cittadina onoraria di Palermo. Lo ha annunciato questa mattina il sindaco Leoluca Orlando che ha ricevuto la campionessa di tennis a Villa Niscemi per consegnarle una targa di riconoscimento per i successi ottenuti e in particolare per il trionfo al doppio femminile del torneo di Wimbledon 2014, in coppia con Sara Errani. Palermitana di adozione, la tennista tarantina, infatti, da alcuni anni vive e si allena nella nostra città.

“Per me è un grande onore essere stata ricevuta e premiata dal sindaco Orlando – ha detto Roberta Vinci – e questo mi lega sempre di più a questa meravigliosa città. Sono anche emozionata di aver ricevuto la proposta di cittadinanza onoraria che ho accettato con entusiasmo”.  "E' un onore e un privilegio abbracciare una simile campionessa - ha detto il sindaco Orlando - anche in virtù del forte legame con questa città. Nel libro degli ospiti d’onore della città, Roberta Vinci  ha scritto 'Viva Palermo'. Credo che questo sia la conferma che lei è una splendida tessera del mosaico di Palermo. Le abbiamo chiesto, e lei ha accettato, di diventare cittadina onoraria di Palermo. Organizzeremo, compatibilmente con i suoi impegni agonistici, una grande manifestazione coinvolgendo le scuole del nostro territorio”. 

Alla cerimonia era presente, lo staff della tennista pugliese, oltre al capo area del settore Sport, Fernanda Ferreri e all’assessore allo Sport, Cesare Lapiana che ha consegnato alla Vinci due tessere d’ingresso alla piscina olimpionica e allo stadio delle Palme di viale del Fante.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roberta Vinci dice "sì": la regina di Wimbledon diventa palermitana

PalermoToday è in caricamento