Lunedì, 14 Giugno 2021
Sport

Cavalli in partenza per la prima corsa, il trotto torna a Palermo: riparte l'ippodromo della Favorita

Dopo tre anni e mezzo si torna in pista, inizialmente senza pubblico. La Sipet, società toscana che si è aggiudicata la concessione del Comune, punta ad aprire l’impianto alla città tutti i giorni: "Vogliamo trasformare la Favorita in una vera e propria agorà". Previste una serie di attività collaterali: ristoranti, bar, parco avventura e organizzazione di grandi eventi

Cavalli in partenza per la prima corsa. Dopo tre anni e mezzo di chiusura, all'ippodromo della Favorita di Palermo tornano le gare di trotto. Ma non solo, perché l’impianto di viale del Fante ha in progetto anche una serie di attività collaterali: ristoranti, bar, parco avventura e altro. Nell’ambizioso progetto della Sipet – società toscana che si è aggiudicata la concessione trentennale bandita dal Comune – è inoltre prevista la possibilità di realizzare grandi eventi nell’area dell’ippodromo.

Domani, sabato 22 maggio, si riparte: inizialmente a porte chiuse. La Sipet ha preso questa decisione in via prudenziale. "Malgrado la zona gialla, introdotta in Sicilia e a Palermo solo dal 17 maggio – spiega Antonio Paccosi, amministratore unico della Sipet – la particolare situazione legata alla pandemia impone rigidi protocolli per gli addetti ai lavori e per il pubblico. L'organizzazione e la gestione degli ingressi è un aspetto molto delicato, motivo per cui abbiamo deciso che apriremo le tribune non appena saranno completati gli interventi di messa in sicurezza, previsti dal protocollo attuativo delle linee guida anti Covid diramate dal ministero delle Politiche agricole (Mipaaf)".

Nella giornata di domani (start alle 14,10) saranno 77 i cavalli partenti, suddivisi in 7 corse. Nel centrale (premio Apertura) tra gli altri driver ci sarà Gaspare Lo Verde, figlio del compianto Biagio, icona dell’ippica palermitana. Nei primi test in pista è stata tanta la commozione da parte degli addetti ai lavori, a qualcuno è scesa perfino qualche lacrima. Dopo il lungo stop delle corse dei cavalli trottatori, dovuto all'interdittiva antimafia emessa dalla prefettura nei confronti della vecchia società di gestione dell’ippodromo, la nuova "proprietà" è impegnata a voltare pagina e "proverà a 'cucire' un rapporto vivo con il territorio". Ecco perché, sottolinea Paccosi, "vogliamo impegnarci affinché l’ippodromo torni a essere frequentato dai tanti appassionati dei cavalli ma soprattutto dalle famiglie: una scommessa per tornare a vivere l’atmosfera degli anni d’oro e trasformare la Favorita in una vera e propria agorà".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Mipaaf ha inserito La Favorita nel calendario ippico nazionale di quest’anno (45 giornate di corse e un montepremi totale di oltre 1,8 milioni di euro). Dopo i sopralluoghi dell’11 e 19  maggio, ieri il Mipaaf ha pubblicato il decreto che dichiara l'idoneità della struttura e dei servizi. Un risultato che premia gli sforzi sin qui fatti dalla Sipet per riqualificare una struttura che, nel periodo di chiusura, ha subito furti e danneggiamenti. Le energie delle maestranze ingaggiate dalla Sipet si sono finora concentrate sulla rimozione dell'amianto (il 70% è stato già avviato a smaltimento), sulla riqualificazione delle scuderie, sulla sistemazione delle aree di allenamento e della pista da corsa. Quest’ultima è stata resa performante grazie alla posa di una sabbia già utilmente sperimentata nell’ultimo periodo di attività. Il vecchio tabellone al centro della pista, posto sotto la torretta della giuria, sarà a breve sostituito da un maxischermo a led di 24 metri quadrati.

"I lavori effettuati in stretta sinergia con la Sovrintendenza dei Beni culturali, il ministero delle Politiche agricole e la collaborazione del Comune – spiega Francesco Ruffo della Scaletta, già programmatore tecnico di Varenne e segretario generale dell'Unire, scelto dalla Sipet quale responsabile ippico – ci consentono di far ripartire il movimento ippico e di rimettere in moto l'economia che ruota attorno all'ippodromo. Basti pensare che ogni cavallo-atleta genera in media 1,8 occupati". I lavori all’interno dell’ippodromo andranno avanti a step anche dopo le prime giornate di corsa. L’autostart, una fiammante Lincoln Town Car, è pronta ad aprire le ali per lanciare i cavalli sulla pista della Favorita.

Calendario corse di maggio (22, 26, 29) e giugno (2, 5, 9, 16, 19, 23, 30)
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cavalli in partenza per la prima corsa, il trotto torna a Palermo: riparte l'ippodromo della Favorita

PalermoToday è in caricamento