Resuttana San Lorenzo, altro brindisi Promozione: "Vogliamo arrivare in Eccellenza"

Neanche l’emergenza Coronavirus ha potuto arrestare il sogno dei nerorosa: quello di trionfare in Prima Categoria. Il presidente Gaetano Conte a PalermoToday: "Staremo al vertice anche il prossimo anno"

I ragazzi del Resuttana San Lorenzo esultano dopo un gol

Il Resuttana San Lorenzo fa festa come il Palermo con un salto di categoria arrivato…d’ufficio. Una stagione da incorniciare. Perché la squadra allenata da mister Chinnici, vera rivelazione del calcio dilettantistico, il prossimo anno giocherà in Promozione, lasciandosi così alle spalle la Prima Categoria. Tanti gol fatti, pochi subiti e filotti da capogiro da fare invidia a chiunque nel panorama calcistico siciliano. Persino al Palermo. Neanche l’emergenza Coronavirus ha potuto arrestare il sogno dei nerorosa: quello di trionfare in Prima Categoria. Il presidente del San Lorenzo, Gaetano Conte, è sicuro: “E ora faremo un campionato di vertice e perché no, punteremo all’Eccellenza".

Un primato in classifica in Prima Categoria, un secondo posto della Juniores nel suo primo anno di vita e la permanenza in Serie C del Resuttana San Lorenzo Calcio A5. Insomma, la società nerorosa ha centrato il jackpot quest’anno, nonostante l’epilogo abbia forse lasciato l’amaro in bocca a causa dell’emergenza Coronavirus. “Volevamo dare ai ragazzi ciò che si meritavano. Vale a dire una grande festa. La nostra idea – racconta Conte a PalermoToday –  era quella di organizzare una grande manifestazione in piazza, qui nel nostro quartiere di San Lorenzo con tutte le squadre nerorosa. Purtroppo però ci limiteremo a festeggiare in ‘famiglia’, rispettando ovviamente tutte le norme del caso. Tecnicamente parliamo di una promozione d’ufficio, anche se non dobbiamo dimenticarci che il campionato non è mai stato in discussione. Averla ottenuta d'ufficio non diminuisce la nostra felicità, anche se vincerla dopo il triplice fischio dell'arbitro sarebbe stata tutt'altra cosa, ci avrebbe trasmesso delle emozioni particolari. Forse indimenticabili”. 

E chissà che non sia tutto rimandato al prossimo anno, quando il Resuttana San Lorenzo proverà a primeggiare anche in Promozione. “Di solito non faccio proclami – ha aggiunto Gaetano Conte – ma questa volta mi sento di dire che la squadra che affronterà il campionato il prossimo anno potrà tenere testa a chiunque. Faremo dei colpi mirati per giocarci la vetta della classifica. Questa è la nostra volontà, d'altronde – continua - è tutto già scritto da tempo. Vogliamo arrivare in Eccellenza perché credo che la società meriti questo traguardo. Il Resuttana San Lorenzo merita palcoscenici diversi da quelli della Promozione. Abbiamo affrontata l'emergenza Covid-19 come fa una famiglia. In questo caso una grande famiglia allargata. Ci siamo fatti compagnia giornalmente tramite sia delle videochiamate che gruppi Whatsapp. Il mister, come del resto la società, ha monitorato le condizioni atletiche dei ragazzi con allenamenti individuali da casa. Abbiamo rispettato le restrizioni, purtroppo siamo stati fisicamente lontani ma non è mai mancata la voglia di sentirci e di allenarci”.  

Titoli di coda dunque su una stagione da incorniciare. Il cammino del San Lorenzo in Prima Categoria resterà scalfito negli annali della competizione, come del resto il filotto di 16 vittorie consecutive. “Voglio ringraziare ogni singolo calciatore,  il mister Chinnici, lo staff, la dirigenza e anche chi mi è sempre stato vicino, come Andrea Perniciaro ad esempio, uno dei primi tecnici della mia gestione qui al Resuttana e che di fatto ha visto prendere forma e sostanza questo progetto.  Mi auguro – conclude – che dal prossimo anno questa società possa avere anche maggiore risalto mediatico, essendo la quarta squadra palermitana, dopo Palermo, Cus e Parmonval”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Grida "mamma" e si accascia in cucina, morta bimba di 9 anni ad Acqua dei Corsari

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento