Rally, il pilota palermitano Marco Pollara vince il trofeo Michelin Rally Cup

(C.I.R.) Pollara M. Princiotto G. Peugeot 208 R2 B

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Veloce come il vento anche in terra friulana, il giovanissimo pilota palermitano di Prizzi Marco Pollara, che divide l'abitacolo della Peugeot 208 R2 B del Team Munaretto, con il due volte campione Italiano messinese di Librizzi, Giuseppe Princiotto. Il duo d'attacco siciliano, portacolori della scuderia di Gioiosa Marea CST Sport, ha conquistato il "Trofeo Michelin Rally Cup 2016", al 52° Rally del Friuli Venezia Giulia, valido quale sesta tornata del CIR (Campionato Italiano Rally). Una grande prova di forza che ha evidenziato il fruttuoso lavoro di squadra svolto in concordanza fin dalla prima prova con il rinomato Team Munaretto, insieme alle preziose indicazioni dei tecnici Michelin. La prestigiosa vittoria è arrivata dopo la spettacolare rimonta sull'ultima "piesse" di gara 1, che li ha visti chiudere al comando la classe, nonostante un importante problema accusato all'impianto frenante. Impegnativa, difficile, incerta, come tutte le prove della massima serie Nazionale, l'intoppo ai freni si è presentato nuovamente durante lo svolgimento di gara 2, dove Marco e Giuseppe, sono stati costretti a rallentare il ritmo "scatenato", ma senza mai perdere il contatto dalle vetta di classe, infatti, hanno finalizzano la performance al secondo posto con soli 6"3 di ritardo, accumulati in parte proprio sull'ultima prova speciale, quando a tre chilometri dal traguardo i freni hanno totalmente abbandonato la 208, che da li a poco ha raccolto gli scacchi della bandiera assistita solamente dal freno a mano. A coronare la vittoria del Trofeo, insieme alla splendida vittoria in gara 1, i tanti applausi dei fan che a gran voce lo identificano come la giovane promessa palermitana del rallysmo Nazionale.

Sebastian Feudale

Torna su
PalermoToday è in caricamento