"Caso" Puscas, Foschi: "Nessun problema, riscatto obbligatorio dopo tre presenze"

L'attaccante romeno non è arrivato a titolo definitivo ma in prestito con obbligo di riscatto: "Una formula scelta per dilazionare il pagamento. Ma il giocatore verrà riscattato certamente dal club rosanero"

Puscas, non più a titolo definitivo ma in prestito. Ma da viale del Fante arrivano rassicurazioni: “Il giocatore verrà riscattato”. L’anno prossimo tornerà a vestire la maglia dell’Inter? Niente affatto. Foschi spegne ogni dubbio: “Una formula scelta per dilazionare il pagamento. Ma il giocatore verrà riscattato certamente dal club rosanero”.

L’approdo di Puscas in rosanero rischia di creare un precedente più unico che raro. Un mese pieno di offerte, rilanci e contro rilanci da parte di Foschi per regalare, sì a Tedino il suo nuovo attaccante, ma anche e soprattutto al Palermo il suo patrimonio da poter far sbocciare e in futuro rivendere. Poi, finalmente, l’arrivo. Quindi il comunicato del club rosanero che parlava di “acquisto a titolo definitivo”. Il giocatore, dopo qualche ora, sarebbe anche dovuto intervenire in conferenza stampa. Salvo poi rinviare l’appuntamento con i giornalisti proprio a causa di qualche intoppo burocratico. Intoppo che a questo punto è stato completamente svelato: in extremis, se non oltre – visto che il giocatore era già sbarcato in città – il Palermo è riuscito a cambiare la formula con il quale Puscas sarebbe sbarcato a Palermo. A chiarire la situazione, il ds del club rosanero Rino Foschi a PalermoToday. “Prestito con riscatto obbligato che scatta dopo le tre partite giocate da Puscas con la maglia rosa. Non capisco dove sia il problema. Che cambia fra un acquisto immediato e un prestito con obbligo di riscatto dopo un tot di partite? Una decisione presa di comune accordo sia da me che da Zamparini per permetterci di poter pagare il giocatore in un anno in più. Per me questo è un discorso che non esiste neanche, il giocatore è nostro e continuerà a esserlo”.

Puscas che a questo punto potrebbe anche essere considerata la ciliegina sulla torta di un mercato che ha comunque visto il Palermo in difficoltà soprattutto sul fronte delle cessioni. Arrivano invece Salvi, Mazzotta, Brignoli, Haas, Puscas e Falletti. “Sono orgoglioso di essere il ds del Palermo e allo stesso tempo molto soddisfatto del lavoro svolto. Adesso restiamo vigili in uscita, qualcosa potrebbe ancora succedere”. 
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Lo schianto col Suv in centro, Mondello sotto choc per la morte del figlio del titolare del bar Renato

  • Cronaca

    E' morta Tindara Agnello, con la sua creatività ha trasformato la vecchia coppola in icona di stile

  • Cronaca

    Noce, spaccia hashish a pochi passi da una scuola: arrestato

  • Sport

    Mirri chiama a raccolta i tifosi, Foschi lo stoppa: "Non abbiamo bisogno di collette"

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, camion travolge auto: morto un magistrato

  • Il migliore cardiochirurgo del mondo? Lavora a Villa Sofia: "Così ha salvato una donna"

  • Giovanni e una vita tra toga, famiglia e pallone: "Magistrato di spessore, uomo serio e preparato"

  • Lacrime e silenzio per il funerale di Giovanni Romano: "Quel messaggio senza risposta di domenica notte"

  • Incidente in via Daita, col Suv contro le auto posteggiate e poi si ribalta: morto il figlio del titolare del bar Renato

  • Stroncato da un infarto mentre è in bici: morto avvocato palermitano

Torna su
PalermoToday è in caricamento