Venerdì, 18 Giugno 2021
Sport

Il Palermo deve mettere la prima Ma quante insidie contro il Thun

Debutto ufficiale per i rosanero stasera alle 20,45 contro gli svizzeri. Gli uomini di Pioli chiamati a vincere per ipotecare il passaggio del turno e per dare fiducia al nuovo tecnico. Attesi più di 20 mila spettatori

Mattia Cassani e Fabrizio Miccoli

Thun è il nome di un’azienda di Bolzano che produce artcoli da regalo in ceramica e porcellana, tra i quali anche delle graziose statuette. Ecco, stasera i giocatori del Palermo dovranno essere tutto il contrario di questo per battere il Thun, quello “vero”. Servono undici giocatori, più gli eventuali tre che subentreranno, concentrati e dinamici, non in bambola. Perché il Thun ha già cominciato il campionato, partendo con il piede giusto. Perché il Thun ha dimostrato in Europa League, nel primo turno, contro il Vllaznia di essere una squadra viva fino all’ultimo, segnando le reti della qualificazione in zona Cesarini.

Insomma, gli svizzeri probabilmente correranno molto di più dei rosanero questa sera. E allora occorre che la formazione di Pioli faccia prevalere il maggior tasso tecnico. Serve che Cassani e compagni sfruttino al massimo la benzina che hanno messo in serbatoio nel ritiro di Malles. Correranno meno, ma basta che corrano meglio. Perché stasera il Palermo deve vincere assolutamente. Per mettere un’ipoteca sul passaggio del turno ma anche per dare subito fiducia e consensi al nuovo allenatore Pioli chiamato a cancellare l’ingombrante fantasma Rossi, che a due mesi dalla finale di Coppa Italia dell’Olimpico, riempie ancora il cuore dei tifosi rosanero. Proprio i supporter che stasera affolleranno il Barbera (21.400 biglietti venduti fino a ieri) avranno anche loro un ruolo fondamentale. Potrebbero essere l’arma in più per spingere la squadra in caso di difficoltà, ma potrebbero essere anche un pericolo in caso di fischi e contestazioni ai primi tre passaggi sbagliati.


Questa è un’incognita, come lo è pure la difesa a tre che, per forza di cose, porterà tutta la squadra a fare movimenti diversi in ogni zona del campo. Avranno assimilato i rosanero quel tanto che basta per sbarazzarsi del Thun? Un ultimo interrogativo riguarda la zona d’attacco. Le certezze si chiamano Pinilla e Ilicic, ma non si sa ancora se mister Pioli si affiderà dal primo minuto a Miccoli per giocare con le due punte o a Zahavi per schierare i due trequartisti alle spalle del cileno. Le risposte arriveranno stasera a partire dalle 20,45. È il 28 luglio, ma si fa già sul serio. Altro che le bambole Thun.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Palermo deve mettere la prima Ma quante insidie contro il Thun

PalermoToday è in caricamento