Venerdì, 23 Luglio 2021
Sport

Un autogol spinge il Palermo in finale, col Venezia finisce 1-0

Un'autorete di Domizzi mette in discesa la partita per i rosanero, che però nella ripresa si spengono lasciando il fianco alla squadra di Inzaghi. Pomini decisivo in almeno tre occasioni. Poi nel finale lagunari in 10 (espulso Pianto), La Gumina fallisce un rigore

Foto Fucarini

A un passo dal sogno. Col minimo sforzo il Palermo liquida il Venezia ed è pronto a giocarsi la serie A col Frosinone che ha pareggiato 1-1 anche nel ritorno contro il Cittadella. I rosanero hanno faticato non poco (Pomini migliore in campo) contro la squadra di Inzaghi, che si è trovata nelle condizioni peggiori dopo appena 6 minuti di gara. Uníautorete di Domizzi ha spianato la squadra di Stellone. Che però a onor del vero ci ha messo del suo schierando la formazione migliore senza aver paura di lasciare (per la seconda volta di fila) Nestorovski in panchina. Un secondo tempo giocato in apnea ha lasciato forse un po' perplessi gli oltre 30 mila spettatori del Barbera (record stagionale), ma sicuramente líimportanza della partita di mercoledì (andata finale play off) non lascerà spazio a questi cali di concentrazione.

Gol e highlights | Video

Albero di Natale fuori stagione

Stellone cambia ancora e opta per un 4-3-2-1, con Trajkovski e Coronado alle spalle di La Gumina. In questo modo il brasiliano non è esiliato sulla fascia e ha meno compiti di copertura. Scelta subito premiata. Visto che è proprio il brasiliano a mettere lo zampino sul gol del vantaggio. Dopo un tiro di Rispoli dal limite, Trajkovski - che si trova sulla traiettoria - controlla e calcia di destro: Audero si supera e respinge. Il pallone finisce su Domizzi che spaventato dal brasiliano che si sta avventando sul pallone vagante tocca e mette nella propria rete. Sono passati solo sei minuti. Meglio di cosÏ non si poteva cominciare. Il Venezia che già era chiamato a uníimpresa, ora dovrebbe compiere un miracolo. Che invece è quello che fa Pomini quando 5 minuti dopo respinge un tiro insidioso di Pinato sugli sviluppi di un calcio di punizione. Ma è un lampo. Perchè il Palermo pian piano prende in mano il controllo della partita. Soprattutto in mezzo, dove Jajalo, Gnahorè e Murawski giganteggiano sui dirimpettai veneziani. Ed è proprio il polacco a sfiorare il raddoppio al 16' con un tiro da fuori, ma Audero si distende e para. Poi è Rispoli ad avere una buona occasione al 36' tirando al volo su cross di Coronado: ma ancora una volta il numero 1 veneziano risponde presente.

Curva nord palermo 2-2

Pomini decisivo

Nella ripresa gli uomini di Inzaghi entrano in campo tentando l'arrembaggio. Che però non è proprio la specialità della casa. I primi grattacapi arrivano con cross buttati in area. Ma in due occasioni è ancora Pomini a metterci prima i guantoni su Modolo e poi i piedi su un colpo di testa ravvicinato di Geijo. Il Palermo invece appare più contratto e non riesce a tenere palla per cercare di addormentare la partita. Tenta di ripartire approfittando degli spazi lasciati dal Venezia, ma nè La Gumina prima, nè Coronado poi riescono a scrivere la parola fine sul match. Invece sono proprio i lagunari a continuare a provarci. Ma se Audero aveva fatto il fenomeno allíandata, stavolta è il turno di Pomini che dice ancora no alla conclusione di Litterio (entrato al posto di Modolo). Stellone corre ai ripari e mette dentro Rolando e Fiordilino per Trajkovski (buona prova la sua) e Murawski. L' episodio che chiude il match al 35': entrataccia senza senso di Pinato su Jajalo e rosso diretto. In 10 contro 11 l'inerzia della partita è tutta dalla parte dei rosanero. A 3 minuti dal novantesimo La Gumina si procura il rigore, che lui stesso si fa parare. Poco male. Siparo calato sulla semifinale. Mercoledì arriva il Frosinone: e sarà tutta un' altra storia. 

Tabellino e pagelle

PALERMO. Pomini 7,5, Rispoli 6, Bellusci 6,5, Rajkovic 6,5, Aleesami 5,5; Gnahorè 6, Jajalo 6, Murawski 6 (80' Fiordilino sv); Coronado 6,5, Trajkovski 6,5 (75' Rolando 6); La Gumina 5,5. Allenatore: Stellone 6,5
VENEZIA. Audero, Andelkovic, Modolo (58' Litterio), Domizzi, Bruscagnin; Fabiano (56' Falzerano), Stulac, Pinato, Garofalo; Geijo (85' Zigoni), Marsura. Allenatore: Inzaghi 

Arbitro: Aureliano 6,5
Rete: 6' Domizzi (aut)
Note - Ammoniti: Jajalo, Modolo. Espulso Pinato. La Gumina fallisce un rigore all' 87'

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un autogol spinge il Palermo in finale, col Venezia finisce 1-0

PalermoToday è in caricamento