rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Sport Petralia Soprana

Petralia Soprana, il campo sportivo porta il nome di Pietro Sorrentino: scoperta l’insegna

Il presidente dell'Unione Sportiva "Sopranese" è scomparso nel 1982. Il suo impegno per il calcio è durato quasi quindici anni. A tagliare il nastro durante la cerimonia la figlia Cecilia e il sindaco Pietro Macaluso

Intitolato a Pietro Sorrentino il campo sportivo di Petralia Soprana centro. Il presidente dell’Unione Sportiva “Sopranese” è scomparso nel 1982 dopo aver dedicato al calcio quasi quindici anni della sua vita. La cerimonia si è svolta ieri alla presenza di tanta gente. Due i momenti clou. Il primo, a Palazzo Pottino, ha visto intervenire il sindaco Pietro Macaluso, il Presidente del Consiglio Leo Agnello, l’assessore Rosario Lodico, Fortunato Giaconia in rappresentanza dell’A.S.D. Città di Petralia Soprana, la figlia Cecilia Sorrentino, il fratello Giuseppe e il mister Giuseppe Ferrante che portò la “Sopranese” in finale nell’indimenticabile Torneo delle Madonie del 1974. 

Il ricordo di quella finale che si disputò sul neutro di Bagheria l’8 settembre che vide soccombere la “Sopranese” per 2-1 contro il Collesano è ancora vivo nei protagonisti che non hanno voluto mancare all’appuntamento di ieri. Per l’occasione sono arrivati a Petralia Soprana anche Natale Alamia e Antonio Pellerito. Quest’ultimo, segnando quattro reti contro l’Alia, aveva spalancato le porte della finale che purtroppo non ebbe il risultato atteso. 

Il secondo momento del programma, si è svolto al campo sportivo dove è stata scoperta l’insegna con il nome Pietro Sorrentino che è stata posta sull’ingresso principale dello stadio. Il taglio del nastro della figlia Cecilia assieme al sindaco Pietro Macaluso ha dato l’avvio all’incontro di calcio, in ricordo di Pietro Sorrentino, tra le vecchie glorie del Torneo delle Madonie e l’ex Beretti Siracusa 1924.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Petralia Soprana, il campo sportivo porta il nome di Pietro Sorrentino: scoperta l’insegna

PalermoToday è in caricamento