Lunedì, 14 Giugno 2021
Sport

Pastore e Leo interrogati in Procura “Non c’è stata nessuna estorsione”

Entrambi sentiti dal pg Scalia dopo l'esposto di Zamparini. L'argentino: "Il presidente sbaglia. Ho detto quello che so, cioè nulla". Il dirigente: "Il Psg non c'entra, trasferimento fatto nel migliore dei modi"

Pastore e Leonardo all'uscita del Tribunale

Javier Pastore e il dirigente del Paris Saint Germain Leonardo, sono stati ascoltati in Procura sulla presunta estorsione subita dal presidente Zamparini. Entrambi sono stati sentiti dal procuratore aggiunto Maurizio Scalia che indaga sulla vicenda dopo l’esposto del patron rosa.
"Zamparini ha sbagliato come ha fatto tante altre volte, io sono venuto a dire quello che sapevo su questa vicenda, cioè niente". Queste le parole dette da Javier Pastore all’Adnkronos uscendo dal Palazzo di giustizia "Mi dispiace per questa storia che danneggia la mia immagine e quella del mio procuratore. Il tempo dirà la verità", ha concluso Pastore.

"Il Paris Saint Germain non c’entra – ha dichiarato invece Leonardo -  e il trasferimento di Pastore è stato fatto nel migliore dei modi. Siamo venuti qui come persone informate sui fatti. Tra il Psg e il Palermo ci sono ottimi rapporti. Ci siamo presentati per sciogliere eventuali dubbi dei magistrati. I miei rapporti con Zamparini – ha concluso l’ex allenatore di Milan e Inter - sono sempre buoni e la trattativa è stata fatta nel migliore dei modi".

Il presidente la scora estate ha accusato Simonian di estorsione. Il procuratore, titolare del 50% del cartellino del calciatore argentino, avrebbe "estorto un accordo" - così si afferma nell'esposto - al patron rosanero per far cedere il giocatore al Paris Saint Germain. Simonian avrebbe minacciato di fare saltare l'affare, conclusosi poi per la cifra record di 40 milioni, se il Palermo non avesse sborsato più soldi rispetto ai 12,5 milioni già pattuiti. Da qui l'ipotesi di tentata estorsione al vaglio della Procura”. A settembre sulla vicenda erano stati ascoltati da Scalia il vice presidente Miccichè e il segretario generale della società rosanero Roberto Felicori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pastore e Leo interrogati in Procura “Non c’è stata nessuna estorsione”

PalermoToday è in caricamento