Mercoledì, 23 Giugno 2021
Sport

Marino: “Se Lo Monaco fosse rimasto, sarei andato al Palermo"

Il tecnico a Ryar Web Radio: "E’ una bella piazza e spero che si salvi. Ho avuto la fortuna di lavorare con Lo Monaco per due stagioni a Catania, lo reputo un grande professionista che negli anni ha dimostrato tutta la sua competenza"

Pasquale Marino @Tm News-Infophoto

Dopo l’esonero del tecnico Gasperini e le dimissioni dell’ ad Pietro Lo Monaco, mister Pasquale Marino dichiara di essere stato vicinissimo al Palermo e non esclude un suo futuro al Cluj: “Se Lo Monaco fosse rimasto - ha dichiarato il tecnico a Ryar Web Radio - certamente avrei allenato il Palermo, ma così non è stato. E’ una bella piazza e spero che si salvi. Ho avuto la fortuna di lavorare con Lo Monaco per due stagioni a Catania, lo reputo un grande professionista e negli anni ha dimostrato tutta la sua competenza. Insieme al Presidente Pulvirenti, con il quale era in sintonia, ha creato le fondamenta di una squadra che ancora oggi raccoglie i suoi frutti".

Marino ha parlato anche di un suo possibile futuro all'estero. "In estate – aggiunge Marino – ho avuto contatti con diverse società e anche nel corso della stagione, ma le proposte bisogna valutarle bene. Ho voglia di lavorare e mi piacerebbe essere coinvolto in un progetto in cui possa rispecchiarmi. Se ora non alleno è per mia scelta. Anche il Cluj mi ha contattato quando ancora il club era in Champions League nel girone del Manchester United. Sono stato tentato da quell’offerta non avendo mai partecipato alla Coppa Campioni, anche se ho avuto la fortuna di arrivare con l’Udinese ai quarti di Europa League. In quel caso, non se ne fece più nulla perché intanto arrivavano proposte anche dall’Italia. Comunque giovedì, per la partita tra l’Inter e il Cluj, andrò a Milano in quanto – sottolinea Marino - sono stato invitato dal direttore sportivo del club romeno".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marino: “Se Lo Monaco fosse rimasto, sarei andato al Palermo"

PalermoToday è in caricamento