Sport

Coppa Italia: Palermo, con il Verona serve l'impresa

Terzo turno di Tim Cup, arriva il grande ex Luca Toni: all'orizzonte c'è la Sampdoria. Gattuso sfida Mandorlini: nella sua testa però c'è anche il mercato. A disturbarlo sono le voci su Hernandez e Sorrentino: "Provo fastidio e mi innervosisco"

Tutto come un anno fa. Coppa Italia, il debutto ad agosto al Barbera con la Cremonese, poi la sfida, sempre in casa con il Verona. Il Palermo si gioca già un pezzo della sua stagiobe. Vincere oggi significherebbe riassaggiare in fretta il grande calcio. All'orizzonte c'è la sfida al quarto turno con la Samp di Delio Rossi. Prima però bisogna fare i conti con un altro ex, Luca Toni. La prima è stata buona; ma confermarsi è sempre piu' difficile e Rino Gattuso, a una settimana dall'i lo sa.

"Per me sono tutte importanti - spiega il tecnico rosanero nella conferenza stampa della vigilia -. Si scende in campo sempre al massimo, anche nelle  amichevoli. Affrontiamo una squadra di sere A: ce la giocheremo". Gattuso recupera Morganella, ma deve fare a meno di Barreto e Munoz. Resta in dubbio Lafferty.

Restano alcune spine di mercato. Ovvero Hernandez, destinato ancora alla pancina, e Sorrentino. Voci che disturbano Gattuso: "Non voglio pensarci, altrimenti mi innervosisco, e basta - ammette il tecnico -. Con i diretti interessati faccio qualche battuta; ma non la vivo tranquillamente. Sarei ipocrita se dicessi che non provo fastidio. Mi dispiacerebbe se Stefano andasse via: sta dando tanto alla squadra e anche a me fuori dal campo; ma ho la consapevolezza di avere altri buoni portieri".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coppa Italia: Palermo, con il Verona serve l'impresa

PalermoToday è in caricamento