Martedì, 22 Giugno 2021
Sport

Il solito Toni castiga il Palermo, addio Coppa Italia: le pagelle

Al Barbera passa il Verona, bravo a sfruttare una delle poche occasione con il grande ex della partita. La squadra di Gattuso è sfortunata: coglie tre legni e sbatte sul portiere avversario. L'avventura finisce al terzo turno

Sempre lui, ancora lui. Luca Toni punisce il Palermo. Il sogno della Coppa Italia svanisce in una notte di mezza estate. Passa il Verona, come un anno fa. E la prima amarezza della stagione rosa la regala proprio Toni, colui che a maggio aveva condannato matematicamente il Palermo alla B. Corsi e ricorsi storici a parte, i Ringhio boys hanno buttato il cuore oltre l'ostacolo e contro una squadra più organizzata forse avrebbero meritato il passaggio del turno. I tre legni, distribuiti nell'arco dei 90 minuti, sono lì a testimoniarlo. Verona più cinico, più pratico. Al Palermo, impreciso sottoporta, discontinuo ma battagliero, manca il fenomeno che risolve la partita con mezza giocata. 

E dire che il Palermo aveva dimostrato di tenere alla Coppa (prima del fischio d'inizio incidenti tra le due tifoserie all'esterno dello stadio: lancio di oggetti verso il pullman veronese). Dybala coglie un palo clamoroso dopo 18 minuti con Rafael già pronto a raccogliere il pallone in fondo al secco. La squadra di Gattuso, al primo ko della carriera italiana da tecnico, gioca  meglio, aggredisce le fasce. E poco dopo Sanseverino trova un’autostrada che per poco non si trasforma nell’1-0 rosanero. Cacia e Toni, prevedibili, giocano solo spalle alle porta. Ma quando meno te l'aspetti, Martinho punta Pisano sulla corsia mancina e scodella un pallone telecomandato: Sorrentino indugia, non esce e Toni insacca come ai vecchi tempi a pochi centimetri dalla linea. Il Palermo si affloscia, l’unico sussulto lo regala Pisano che svetta sul calcio d’angolo e di testa manda la palla a un soffio dall’incrocio.

Entra Hernandez a inizio ripresa, Andelkovic coglie il secondo legno (traversa). Il Palermo è stanco e confuso, offre il fianco al contropiede del Verona. Gattuso raschia energie fresche dalla panchina. Entra anche Vazquez. Moras per poco non rimette in carreggiata il Palermo con un tocco di testa che pizzica la traversa. Terzo legno rosanero, poi Guida ignora un fallo di mano in area gialloblù e caccia Gattuso, forse plateale nelle proteste. L’esplusione carica il Palermo: Hernandez esalta i riflessi di Rafael. Gli ultimi assalti non sono fortunati, la Coppa Italia del Palermo finisce già ad agosto. 

PALERMO-VERONA 0-1

MARCATORI: 37’ pt Toni 
PALERMO: Sorrentino 5,5, Pisano 5, Andelkovic 6, Terzi 6, Daprelà, 5,5 Bolzoni 6 (26’ pt Bacinovic 5,5), Ngoyi 6 (22’ st Vazquez 5,5), Lores 6, Dybala 5,5, Sanseverino 6 (1’ st Hernandez 6), Lafferty 6. A disp.: Ujkani, Struna, Milanovic, Di Gennaro, Troianello, Stevanovic, Morganella, Malele, Embalo. All.: Gattuso.
HELLAS VERONA: Rafael 6,5, Moras 6, Maietta 6, Albertazzi 6, Sala (41'st Grossi s.v.), Jorginho 6, Donati 6, Martinho 6,5, Agostini 6 (32’ pt Laner 6), Cacia 5,5 (19 ‘st Juanito Gomez 5,5), Toni 6. A disp.: Nicolas, Romulo, Jankovic, Bianchetti, Grossi, Mihaylov, Sgrigna. All.: Mandorlini.
AMMONITI: Donati, Terzi, Vazquez, Albertazzi

ESPULSI: Bacinovic

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il solito Toni castiga il Palermo, addio Coppa Italia: le pagelle

PalermoToday è in caricamento