Sport

Entusiasmo Baccaglini: "Nesto resta, Palermo meglio del Chelsea"

La scoppola con la Roma non scalfisce le sicurezze del nuovo presidente: "Sto lavorando per rendere il club un brand conosciuto in tutto il mondo, fidatevi del mio fondo"

La prima volta non si scorda mai. E quella del presidente Baccaglini, dopo i tre gol rifilati dalla Roma, non è stata da incorniciare. “La cosa più importante – ha detto Baccaglini al termine del match – è che l’entusiasmo dei palermitani sta crescendo sempre di più. Il mio obiettivo è quello di far tornare la gente allo  stadio, anche perché – ammette – questa squadra ha bisogno di soffrire e gioire insieme ai propri tifosi. Dopo una settimana così intensa – dice l’ex Iena – ho avuto la conferma che questa è stata la scelta migliore. Qui la gente è davvero strepitosa, tutti danno e nessuno chiede nulla. Con il passare del tempo potrò fare conoscere ai tifosi i progetti che ho in mente che renderanno il Palermo Calcio un brand conosciuto in tutto il mondo”.

Il “mangia-allenatori” Zamparini non c’è più e Diego Lopez, anche dopo l’ennesima sconfitta potrà fare sicuramente sonni tranquilli. “Lopez – ha affermato il numero uno rosanero nel dopo partita – ha tutto il mio appoggio. Ho parlato più volte con lui e mi ha fatto un’ottima impressione. La cosa più importante è stata quella che la squadra abbia reagito subito dopo essere andata in svantaggio”.

Giusto il tempo di metabolizzare meglio quanto accaduto ieri, e il presidente del Palermo è tornato a parlare della partita e non solo. “Al di là del risultato di ieri – ammette a Radio Rai il presidente del Palermo – qui a Palermo si possono fare grandi cose. Ogni iniziativa fatta qui al Sud è di risalto internazionale. Non a caso – confessa – siamo finiti sul Washington Post. Non ho problemi ad affermare che se avessi potuto scegliere fra Chelsea e Palermo non avrei cambiato la mia scelta. Per il club inglese – spiega – avrei speso molti più soldi per poi rivenderlo in futuro con poco margine”.

Eppure i dubbi su chi si nasconda dietro il profilo dell’ex Iena rimangono tanti. E forse continueranno a rimanere tali, anche perché “all’interno del mio gruppo – spiega – c’è un certo tipo di clientela che pone la privacy e la confidenzialità al centro di tutto. ho chiesto a queste persone dei fondi per poter portare avanti questa operazione e vi posso assicurare che dietro c’è un lavoro immenso. Il mio obiettivo era quello di convincere Zamparini e la cosa più importante è stata che lui si è fidato di me”.

Uno sguardo al presente e due al futuro. “Bisogna ritrovare risultati importanti, iniziando dalla salvezza. Facciamo un passo alla volta, sicuramente bisogna crescere. Nestorovski – confessa Baccaglini – è un punto fermo del nostro progetto futuro. Al momento abbiamo un piano A e un piano B e in base ai risultati ottenuti quest’anno decideremo quale applicare. Il nostro progetto deve essere sostenuto soprattutto a livello mentale, i risultati – conclude – verranno di conseguenza

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Entusiasmo Baccaglini: "Nesto resta, Palermo meglio del Chelsea"

PalermoToday è in caricamento