menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Iachini appena atterrato a Punta Raisi - foto aeroporto Falcone e Borsellino

Iachini appena atterrato a Punta Raisi - foto aeroporto Falcone e Borsellino

Palermo, è sbarcato Iachini: nella valigia anche il 3-5-2

Il tecnico ascolano è arrivato a Punta Raisi ed è pronto a rimettersi al lavoro. Con lui i rosanero abbandoneranno il 4-3-3 sperimentato con Schelotto. Rischiano di restare ai margini Trajkovski e Quaison

E' arrivato a Punta Raisi ora di pranzo, poco dopo le 13, puntuale come un orologio svizzero. Una valigia con poca roba, all'apparenza, forse perché con Zamparini non si sa mai. Con lui anche il fidatissimo vice Beppe Carillo il preparatore atletico. Poche parole ("Dobbiamo salvarci, mi auguro che i tifosi possano sostenerci in questo momento"), molta voglia di tornare sul campo e riprendere un discorso interrotto all'improvviso. Ma intanto dovrà fare a meno di Sorrentino e Goldaniga per un mese.

Ma come giocherà il Palermo nel lungo rush finale? Partiamo da una certezza: con Iachini si ripartirà dal 3-5-2, mandando definitivamente in soffitta il 4-3-3 intravisto con Schelotto. E la testa vola già alla trasferta di Roma, prima tappa di un ciclo durissimo che prevede anche il lanciato Bologna al Barbera, l'Inter a San Siro e il Napoli in viale del Fante. In difesa Iachini potrebbe rispoverare Vitiello, messo da parte dai tecnici che si sono avvicendati in questi 3 mesi, e impiegare con maggiore frequenza Andelkovic, anche in concomitanza con le assenze di Goldaniga (ko con il Torino) e Struna. La certezza è Gonzalez, apparso decisamente appannato nelle ultime uscite.

Il rebus è in porta. Sorrentino forse ne avrà per un mese: le indagini strumentali hanno evidenziato il "distacco aponeurotico al bicipite femorale destro", dopo lo scontro con Andelkovic durante la partita contro il Torino. Alastra si è ben comportato domenica ma è pur sempre un ragazzino di 18 anni. Zamparini potrebbe pescare tra gli svincolati (Tzorvas e Frey nella lista, ma l'ex Fiorentina da un mese ha annunciato il ritiro). Sempre sul fronte infortuni problemi muscolari anche per Edoardo Goldaniga che ha riportato una "lesione di primo grado sull'inserzione distale del retto addominale e sull'inserzione prossimale dell'adduttore destro". La prognosi, anche per il numero 6 rosanero, è di trenta giorni.

Nel centrocampo a 5 le fasce dovrebbero essere di Morganella e Lazaar (con Rispoli prima alternativa) mentre in mezzo Maresca si candida per il ruolo di regista. Ma nella linea mediana c'è folla: Hiljemark e Chochev sono gli interni più impiegati finora, chiedono spazio anche Brugman e Cristante. Chi potrebbe trovare più difficoltà è Jajalo. In avanti il titolarissimo si chiama Vazquez. Gilardino parte in pole per il posto da prima punta, ma Djurdjevic gode di buona considerazione. Resta da capire il futuro di Trajkovski e Quaison, mentre per Balogh, Pezzella, Bentivegna e Cionek il destino pare segnato.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento