menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Quaison abbracciato dai compagni dopo il gol - foto Fucarini

Quaison abbracciato dai compagni dopo il gol - foto Fucarini

Palermo-Pescara 1-1: Quaison illude, poi è beffa finale | cronaca e pagelle

Rosa poco belli, ma cinici. Lo svedese fa esultare il Barbera con un gol capolavoro. Poi quando sembra fatta ingenuità di Gonzalez che provoca il rigore realizzato da Biraghi. Posavec evita l'1-2 all'ultimo secondo. La salvezza resta lontana 4 punti

L'errore più grande: pensare di aver vinto prima ancora del fischio finale. Non basta una magia di Quaison. Sotto l'Albero il Palermo trova la beffa. Finisce 1-1 il delicato scontro diretto con il Pescara. Pari amaro, perché arrivato al 93'. Il crocevia salvezza rimbalza le ambizioni di Corini, che a lungo aveva assaporato il miraggio del -2, con la trasferta di Empoli all'orizzonte. Organizzazione e cinismo: il Palermo è piaciuto per un'ora, ma con il trascorrere dei minuti ha concesso il fianco degli avversari, capaci alla fine di sfiorare il più incredibile dei ribaltoni. I rosa pagano a carissimo prezzo un'ingenuità di Gonzalez: la sua scivolata rischia di macchiare la coraggiosa rimonta salvezza del Palermo. Oddo invece blinda la panchina dopo avere visto le streghe.

VIDEO: GOL E HIGHLIGHTS

Per i rosa è il primo punto in casa, dopo otto ko consecutivi. Da salvare in questo 1-1 c'è il Barbera, chiassoso e pieno come ai bei tempi, e Quaison, autore dello slalom speciale concluso nel gol del vantaggio, dopo una mezz'ora complicata. Chissà che sotto l'ala del Genio, lo svedese non possa finalmente svoltare. Il Palermo guadagna un punto sull'Empoli ma c'è poco da festeggiare.

Corini schiera il Palermo ancora con il 3-4-2-1, riabilita Diamanti e lo piazza dietro Nestorovski insieme a Quaison. Ma la novità più grande è il recupero di Gonzalez, che ritrova posto al centro della difesa, con Cionek e Goldaniga. Pescara più arcigno rispetto al solito: Oddo evita i soliti svolazzi, e irrobustisce il centrocampo con Bruno, impiegato poco finora. Il 3-5-2 degli abruzzesi si fa apprezzare nei primi minuti, con gli esterni - mobilissimi - che mettono in difficoltà Rispoli e Aleesami e i centrocampisti sempre pronti a inserirsi. Tanto possesso, bei duetti Caprari-Pettinari, e un'occasione da gol: Memushaj ci prova da fuori, la conclusione è alta. Nel periodo migliore però il Pescara incassa il gol. Fa tutto Quaison, poco dopo la mezz'ora. Il suo assolo centrale è da applausi: parte dai 40 metri, semina due avversari e appena arriva al limite scaglia una sassata imparabile che muore sotto la traversa. Il Barbera si infiamma e comincia a sognare la risalita in classifica. Il Palermo a questo punto si chiude e concede solo glin spifferi. La partita è spingolosa, spuntano i gialli (Jajalo e Nestorovski finiscono nel taccuino di Massa).
 
Nella ripresa il Pescara prova il tutto per tutto, ma - almeno inizialmente - è anzi la squadra di casa a farsi pericolosa dalle parti di Bizzarri. Nestorovski, mai in gol nella gestione Corini, sfiora il 2-0 con un bel colpo di testa dal cuore dell'area. Il Palermo sembra tenere bene il campo, ma a poco a poco arretra pericolosamente. Il Pescara cuce gioco, inizia la girandola dei cambi e Oddo ribalta la sua squadra. Tra i rosa esce Diamanti, entra Bruno Henrique. Corini getta nella mischia anche Chochev, per Jajalo.

palermo pescara Aleesami-2Oddo cambia modulo, alza il baricentro, e quello del Pescara diventa un assedio. All'81' Pettinari con un diagonale velenoso taglia tutta l'area piccola: la palla finisce fuori, accanto al palo di Posavec. Prima del 90' Fornasier segna sugli sviluppi di un calcio d'angolo ma l'arbitro annulla per fuorigioco. Il Palermo è sulle gambe. Dai e dai, il Pescara trova il pareggio. Ennesima mischia in area, Gonzalez si inventa una scivolata scellerata e atterra Caprari al centro dell'area sotto gli occhi di Massa, che non può non fischiare il rigore. Sul dischetto c'è Biraghi, che spiazza Posavec e gela il Barbera, quando la lancetta segna il minuto 93. E al Palermo va anche bene, perché all'ultimo assalto Memushaj stoppa in area e incrocia al volo: Posavec questa volta si supera e si salva di piede. Sarebbe stata una tragedia.

CLICCA SU "CONTINUA" PER VEDERE TABELLINO E PAGELLE

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento