menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Maurizio Zamparini

Maurizio Zamparini

Il Palermo sprofonda, Zamparini perde la pazienza: "Sono avvilito"

Il presidente commenta il ko con il Milan: "Avevo avvertito De Zerbi riguardo a Suso: è lui il giocatore più pericoloso del Milan, eppure non siamo riusciti a contenerlo"

"Sono avvilito. Ieri abbiamo giocato meglio del Milan, il Palermo non merita questa classifica. A 75 anni è arrivato il momento di farsi da parte".  Rosa come il dolce, nero come l’amaro. Un inizio di stagione amarissimo per il Palermo, ancorato nelle zone basse della classifica. Ai microfoni di Radio Rai Maurizio Zamparini ha parlato della situazione dei rosa, con un occhio, a mandorla magari, al futuro del club, legato inevitabilmente ai possibili nuovi acquirenti.

"Sono in trattativa da un po’ di mesi con i cinesi e altre cordate. Intanto – dice Zamparini - rimango presidente e continuo a pensare al bene del club. Non voglio assolutamente rimandare la cessione. Moratti e Berlusconi - continua - imprenditori molto più importanti di me, hanno già ceduto, e si procede verso questa direzione. In Inghilterra si fattura diversamente da quando si è aperto all’ingresso di capitali stranieri. Io non sto cercando soldi per me ma penso solo ed eslusivamente al bene del club. Voglio far lievitare il fatturato per il bene di questa città, perché altrimenti diventa impossibile colmare il divario con le altre squadre. Il calcio è il miglior modo per fare pubblicità, ed è chiaro che questo momento non aiuta di certo a vendere il club”.

Contro il Milan non sono arrivati i primi punti conquistati davanti ai propri tifosi anche se “abbiamo giocato meglio dei rossoneri – afferma Zamparini - . Due episodi sfortunati ci hanno fatto perdere la partita. Apprezzo molto il lavoro di De Zerbi e adesso, finalmente, stanno tornando i nostri infortunati di lusso. Prendiamo troppi gol ultimamente. Avevo avvertito De Zerbi riguardo a Suso: è lui il giocatore più pericoloso del Milan, eppure non siamo riusciti a contenerlo. L’anno scorso pensavo che avessi toccato il fondo con la sfortuna, e invece…”.

Zamparini poi si auto-bacchetta: “Lo so, non ho sostituito al meglio giocatori del calibro di Vazquez e Dybala. Sono certo che i nostri giovani come Lo faso, Balogh e Sallai riusciranno al più presto a dimostrare tutto il loro valore”. Dunque, almeno per il momento, Roberto De Zerbi continua a essere il tecnico rosanero: “E’ un bravo ragazzo - conclude -, forse sta pagando un po’ troppo a caro prezzo l’inesperienza. Mi fido del mio allenatore e sono sicuro che dopo la sosta torneremo a sorridere”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento