Sabato, 24 Luglio 2021
Sport

Testacoda al Barbera, il Palermo sbanda contro l'ultima: Pomini salva l'1-1

Il Livorno sfiora il colpaccio. Nel primo tempo vantaggio rosa con Moreo, pari di Raicevic. Nella ripresa gli ospiti più volte pericolosi, decisivo il portiere ex Sassuolo. Diamanti migliore in campo, decimo risultato utile di fila per Stellone

I giocatori del Palermo esultano dopo il gol di Moreo - foto Fucarini

Testacoda a tutti gli effetti. Perché il Palermo capolista sbanda contro l'ultima in classifica, e perde l'occasione d'oro per allungare ancora sugli inseguitori. Primo era e primo rimane, ma adesso il vantaggio può rimpicciollirsi improvvisamente. Il Livorno, trascinato dall'ex Diamanti, raggiunge il Carpi a quota 10 e fa un figurone nel frezeer del Barbera, sfiorando anzi più volte il colpaccio. Al Palermo non serve il forcing finale. Stellone incamera però il decimo risultato utile di fila ed evita la clamorosa sconfitta. Magra consolazione. 

Palermo in campo con il 3-4-1-2 con Falletti dietro le punte Moreo e Puscas. Stellone lascia in panchina Trajkovski e punta su Pomini per la porta. Modulo quasi a specchio per gli avversari. Il Livorno gioca con un 3-5-2 scolastico con una spina dorsale d'altri tempi: Mazzoni in porta (34 anni), Dainelli (39) in difesa, Luci (33) in mezzo, Diamanti (35) a cucire centrocampo e attacco. A fare su e giù sulla fascia destra c'è poi l'eterno Valiani (38 primavere). 

Sin dall'inizio il Palermo vuole mettere le cose in chiaro. Gestisce la manovra, prende lentamente possesso del campo e alza il baricentro. Appare così naturale il gol del vantaggio rosanero, che arriva poco prima del quarto d'ora al culmine di un bel fraseggio tutto da raccontare. Puscas, attaccante vecchio stampo, si allarga favorendo l'arrivo di Falletti che manda Moreo in porta. Glaciale l'ex veneziano nel giustiziare Mazzoni per l'1-0 del Palermo. 

Partita in discesa? Neanche per sogno. Appena 10 minuti dopo il Livorno trova il pareggio. Diamanti, il migliore degli ospiti, pennella dalla trequarti. Rajkovic non interviene e ne approfitta Raicevic. Dallo scioglilingua viene fuori l'1-1 perché il serbo di destro controlla e batte Pomini con un bel diagonale. Fanno festa i 21 tifosi arrivati da Livorno. Tutto da rifare per il Palermo. A questo punto gli uomini di Stellone si spostano nella metà campo amaranto ma senza pungere. Innocui infatti i tentativi di Moreo, Puscas e Jajalo.

La ripresa si apre con un cambio: Breda lascia negli spogliatoi il baby attaccante Canessa (impalpabile) e inserisce Porcino. Stellone lascia tutto com'è. Il Palermo però invece di alzare i ritmi, si appiattisce davanti alla retroguardia avversaria, guidata da un immortale Dainelli. E così è addirittura il Livorno a sfiorare il colpaccio con un siluro dell'ispiratissimo Diamanti che Pomini è bravo a disinnescare in corner. Dopo 65 minuti Stellone cambia: dentro Trajkovski, fuori Szyminski. Il Palermo passa così al 4-2 e fantasia con il macedone e Falletti ad assistere le due punte. Ma la sostanza resta la stessa. I rosa non producono palle gol, e anzi offrono il fianco al contropiede dei toscani. E al Palermo serve uno strepitoso Pomini per restare in piedi. Il portiere si supera con una tripla parata sugli sviluppi di un affollatissimo calcio d'angolo. Il finale è godibile perché tutte e due squadre vogliono vincere. Cross di Rispoli, testa di Moreo e colpo di reni decisivo di Mazzoni. Ai meno cinque dal 90' ancora Raicevic arriva dalle parti di Pomini e calcia sull'esterno della rete. Forcing finale del Palermo, entra anche Embalo, ma non succede praticamente nulla. E l'1-1 ufficializzato dal triplice fischio di Marini forse sta più stretto al Livorno.

Tabellino e pagelle

Marcatori: Moreo 13', Raicevic 25'.
PALERMO:
Pomini 7, Szyminski 6 (64' Trajkovski 5,5), Bellusci 6, Rajkovic 5, Rispoli 5,5, Haas 6 (76' Murawski 6), Jajalo 5,5, Aleesami 5,5, Falletti 6, Puscas 5,5, Moreo 6,5 (85' Embalo s.v.). Allenatore: Stellone.
LIVORNO: Mazzoni, Di Gennaro, Bogdan, Dainelli, Valiani, Luci, Agazzi, Fazzi (74' Bruno), Diamanti (86' Murillo), Canessa 5,5 (46' Porcino), Raicevic. Allenatore: Breda.
ARBITRO: Marini 6
NOTE Ammoniti: Porcino, Fazzi, Porcino, Bellusci, Falletti

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Testacoda al Barbera, il Palermo sbanda contro l'ultima: Pomini salva l'1-1

PalermoToday è in caricamento